Muore in auto l’atleta 18enne Aaron Bertoncini di Piacenza Triathlon Vivo

blank

Aaron Bertoncini, 18 anni, atleta tesserato nella società Piacenza Triathlon Vivo è morto oggi in uno spaventoso incidente stradale nel Comune di Codogno. Stava tornando a Casalpusterlengo, dove viveva con la sua famiglia, dopo essere stato proprio a Piacenza con i suoi compagni della società sportiva presieduta da Stefano Bettini ad allenarsi in piscina, al Polisportivo. «Un ragazzo eccezionale – dice Bettini, da noi raggiunto al telefono – uno sportivo vero, un giovane che dedicava la sua vita al triathlon, lontano da vizi, lontano dalle discoteche e da tutto ciò che di solito si dice uccida i giovani e le loro speranze. Eppure gli è capitato lo stesso, la sua vita è stata stroncata in questo modo assurdo. E non riusciamo davvero a darci pace». Il presidente della Triathlon Vivo oggi ha passato il pomeriggio a casa dei genitori di Aaron, peraltro figlio unico. Con Bettini c'erano tutti i ragazzi della squadra: «Non era solo un compagno e un amico – dice il presidente – Era come un fratello per tutti gli atleti che si allenavano con lui. Insieme a loro si stava allenando duramente, con entusiasmo e passione. Aveva legato moltissimo con tutti noi. Davvero, è una perdita lacerante. E possiamo solo immaginare lontanamente quale possa essere il dolore di questi genitori che hanno appena perso il loro unico figlio. Faremo il possibile per star loro vicini». 

blank

Dopo l'allenamento in piscina al Polisportivo di Piacenza, Aaron – che tra poco avrebbe compiuto 19 anni – si è messo al volante della sua Smart e ha imboccato la via Emilia verso Casalpusterlengo. Ormai quasi arrivato a casa, il tragico scontro frontale con un suv Bmw. Ferite le persone a bordo di quest'ultimo, mentre per il giovane non c'è stato nulla da fare. 

 

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank