Violenta lite tra conviventi e spunta una pistola illegale, arrestato 47enne

blank

Chiude a chiave il cancello dell’abitazione e dopo essersi assicurato che la compagna e il figlio non potessero lasciare la casa avrebbe imbracciato una pistola puntandola contro la donna. Attimi di terrore per una 35enne, i fatti sono accaduti nei pressi di località Ivaccari ieri sera, lunedì 26 dicembre. Erano circa le 20,30 quando tra i due conviventi è scoppiata l’ennesima lite. Una lite violenta davanti agli occhi del figlio di un anno. Il protagonista, un uomo piacentino di 47 anni, a un certo punto avrebbe chiuso a chiave il cancello esterno dell’abitazione e, secondo una prima ricostruzione, avrebbe imbracciato una pistola semiautomatica modello P38 calibro 9, detenuta illegalmente. Con l’arma in pugno avrebbe iniziato a minacciare la 35enne.

blank

Dopo attimi di drammatica tensione l’uomo avrebbe ceduto, mettendosi al volante dell’auto e allontanandosi. A quel punto la compagna ha chiamato il 112 raccontando quanto era appena accaduto e i carabinieri si sono precipitati sul posto. Una volta raggiunta l’abitazione i militari hanno perquisito la casa trovando in effetti la pistola all’interno di un armadio e 118 proiettili calibro 22 suddivisi in tre scatole: queste ultime munizioni, non adeguate alla P38 rinvenuta, hanno spinto i carabinieri a sospettare la presenza di una seconda arma, non ancora trovata.

A quel punto la pattuglia ha telefonato al 47enne intimandogli di tornare a casa, raccomandazioni alle quali l’uomo non si è sottratto: al suo arrivo le forze dell’ordine hanno deciso di perquisire anche l’auto trovando nell’abitacolo un tirapugni e un coltello a serramanico. Il 47enne è stato così arrestato con le accuse di detenzione abusiva di arma, maltrattamenti in famiglia, minaccia aggravata e porto abusivo di oggetti atti all'offesa. Si trova ora al carcere delle Novate in attesa dell’interrogatorio di garanzia.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank