Agroalimentare: “Basta attacchi inutili, la politica tuteli il settore”

blank
blank
Giampaolo Maloberti

“Si smetta di aggredire la zootecnia. È una ricchezza fondamentale per l’Italia, che va tutelata». A dirlo è Giampaolo Maloberti, presidente del consorzio “La Carne Che Piace”, che denuncia «troppi attacchi strumentali, con soli fini politici ed elettorali, nei confronti del settore agroalimentare”.

blank

“Come dimostrano i dati, il nostro Paese è primo per numero di riconoscimenti Dop, Igp e Stg assegnati dall’Unione europea. Eurispes rileva che il comparto, nel 2014, è valso 246 miliardi, il 15% del PIL nazionale. Tra i prodotti che hanno maggiormente contribuito nel 2015 alla performance di export dell’agroalimentare italiano, la carne lavorata e conservata e prodotti a base di carne rappresentano una quota del 10,2%. Secondo le elaborazioni di Assocamerestero sui dati Istat, nei primi due mesi del 2016, l’export dell’agroalimentare ha segnato un aumento del 3,3% su base annua, rivestendo un ruolo di primo piano nel panorama economico e produttivo italiano”, spiega Maloberti.

“Pertanto, invece di cercare a tutti i costi “ombre” nelle realtà zootecniche e agricole, che certamente devono sottostare alle norme, ma senza essere prese di mira, le istituzioni cerchino di favorire e incoraggiare questa industria. Di “presunti illeciti” e attività non conformi alle regole, se ne deve occupare la Procura, non i rappresentanti politici. Altrimenti, rischia di tramutarsi in una partita contro gli interessi del comparto zootecnico, che già soffre a causa delle decisioni europee e delle campagne mediatiche contro gli allevatori. Non si sollevino polveroni inutili, ma si dia urgentemente soluzione ai problemi”, conclude.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank