Aida Cooper omaggia Mia Martini. Nel nuovo album un duetto con Loredana Bertè

Aida Cooper
Aida Cooper - Quante volte
Aida Cooper

“Quante volte” è il primo singolo estratto da “KINTSUGI Amica Mia” di Aida Cooper, nuovo album su etichetta Bandabebè, in cui l’artista piacentina rende omaggio a Mia Martini che di questa canzone ha scritto il testo su musica di Shel Shapiro. In rotazione su Radio Sound da oggi.

“Tengo molto a questo brano perché oltre ad essere bellissimo è nelle mie corde ma – dice Aida Cooper – soprattutto, è un pezzo autobiografico il cui testo, scritto proprio da Mimì , è intenso, complicato ma allo stesso tempo delicato, proprio come era Lei”

ARTISTA: Aida Cooper
TITOLO: Quante volte
ETICHETTA: BANDABEBÈ
RADIO DATE: 20/09/2019

Il brano è supportato da un video, per la regia di Naù Germoglio che dichiara: “Abbiamo girato durante la prima data del LiBertè Summer Tour 2019 di Loredana Bertè. La sfida era quella di riuscire a dare uno stile preciso al video di Aida Cooper durante il primo live del pezzo, senza avere la possibiltà di girare nessuna sequenza in più, quindi buona la prima! Vista la ripresa in notturna con un minimal light design, ho deciso di animare il video con degli effetti caldi e avvolgenti, senza però sovrastare la purezza del brano”.

Aida Cooper - Quante volte
Cover dell’album “KINTSUGI Amica Mia”

Quante volte fa parte del disco di Aida Cooper, che vede la direzione artistica di Ivano Zanotti con la supervisione di Loredana Bertè e contiene nove brani scelti dal grande repertorio di Mia Martini (uno dei quali interpretato proprio con Loredana Bertè) e un inedito scritto per Aida da Maurizio Piccoli, storico autore delle sorelle Bertè. Questa la title track dell’album: Quante volte, Spaccami il cuore, Almeno tu nell’universo, Per amarti, Guarirò Guarirò, E non finisce mica il cielo, Danza, Sono Tornata, Donna e l’inedito Un figlio mio.

Kintsugi è l’antica arte giapponese che consiste nel riparare un oggetto di ceramica rotto riunendo i pezzi attraverso l’utilizzo di oro o argento liquidi in modo da esaltare le nuove nervature create. Ogni pezzo riparato diviene così unico ed irripetibile, le crepe sono impreziosite. La metafora del Kintsugi riassume perfettamente l’essenza della resilienza, cercare di fronteggiare in modo positivo le avversità della vita, esibendo orgogliosamente le proprie cicatrici che ci rendono persone uniche, più mature, più forti. Ed è proprio questo il messaggio che Aida Cooper cantante, corista ma soprattutto amica storica di Mia Martini, vuole lanciare intitolando così il suo nuovo album KINTSUGI Amica Mia, con questo gioco di parole volto a sottolineare il legame tra loro due.

Video – Aida Cooper – Quante volte

Scopri altra musica e metti “mi Piace” alla pagina Facebook di Radio Sound.