Cosmetici, abiti e giocattoli potenzialmente nocivi per la salute: sequestrata merce per 40mila euro

La guardia di finanza ha sequestrato circa 15.000 articoli potenzialmente nocivi per la salute. Le fiamme gialle erano impegnate in mirati interventi finalizzati alla tutela della sicurezza del mercato dei beni e dei servizi. Con particolare riguardo alla sicurezza dei prodotti.

Nell’ambito di tale attività, i militari del nucleo di polizia economico-finanziaria hanno effettuato un controllo presso un rivenditore della Provincia di Piacenza. All’interno i finanzieri hanno dunque rinvenuto addobbi pasquali, giocattoli, prodotti cosmetici, calzature e gioielli: articoli potenzialmente nocivi per la salute. Oggetti carenti e, in alcuni casi, sprovvisti delle specifiche avvertenze sulla sicurezza. Avvertenze che impongono, oltre alla marcatura di conformità “CE”, anche l’indicazione delle generalità del produttore o dell’importatore e le istruzioni di impiego in lingua italiana.

Nel caso di prodotti il cui uso prevede un contatto diretto con la pelle, la mancanza dell’indicazione circa i materiali di fabbricazione impedisce alla clientela di prendere le dovute precauzioni circa eventuali sostanze che possono provocare allergie o infezioni cutanee.

La merce sequestrata ha un controvalore complessivo stimato di oltre 40.000 euro. Il titolare della rivendita, invece, dovrà rispondere delle irregolarità riscontrate rispetto alle normative nazionali e comunitarie vigenti in materia di sicurezza dei prodotti.

cof


L’attività testimonia il costante impegno della Guardia di Finanza a presidio della sicurezza economico- finanziaria del Paese. Impegno volto infatti a tutelare, nella fattispecie, la sicurezza dei cittadini attraverso il contrasto del commercio di prodotti nocivi e/o tossici per la salute dei consumatori.