Aumenta la tassa di soggiorno, l’assessore Fiazza: “Le entrate saranno investite nel turismo”

Caro energia inarrestabile, hotel nuovamente in difficoltà. Ludovica Cella (Federalberghi): “Bollette triplicate su costi già ingenti, proprio mentre ci stavamo riprendendo”
Hotel Concierge

Un tema che a Piacenza ha sempre fatto discutere, non è la prima volta che si dibatte sulla questione tassa di soggiorno. E già nel gennaio 2018 le tariffe avevano già visto un incremento. Ora arriva un nuovo provvedimento firmato dall’assessore Christian Fiazza.

“Credere davvero nelle potenzialità attrattive di Piacenza come luogo di cultura, arte, bellezza, sport e buon cibo, e muoversi di conseguenza cambiando marcia, pianificando il futuro e investendo, con obiettivi di medio e lungo termine, sulla valorizzazione delle eccellenze e del territorio in generale”.

L’assessore alla Cultura Fiazza spiega così la decisione, formalizzata oggi con una delibera di Giunta, di adeguare – a partire dal mese di aprile – le tariffe delle imposte di soggiorno già richieste ai turisti che alloggiano nelle strutture ricettive presenti sul territorio comunale di Piacenza.

“Un adeguamento che va visto come un investimento strategico, perché le maggiori entrate che ne deriveranno per l’Amministrazione saranno destinate a finanziare progetti, eventi e iniziative programmate in modo continuativo, che rientrino nella creazione di un vero e proprio Sistema Cultura Piacenza, facendo sì che le risorse provenienti dal turismo siano destinate, ovvero restituite, allo stesso settore e ai suoi operatori sul territorio, per accrescerne la potenza di fuoco”.

Come cambiano le tariffe

Come cambiano, nel dettaglio, le tariffe? Il contributo giornaliero che verrà richiesto a ogni visitatore sarà, dal 1° aprile, di 1 euro per gli ostelli, gli affittacamere, i bed & breakfast e gli alberghi a 1 e 2 stelle (attualmente la tassa di soggiorno per questa tipologia è di 0,50 euro a persona); passerà invece da 1 a 2 euro a persona per gli alberghi 3 stelle e 3 stelle superiore, nonché da 2 a 3.50 euro per i 4 stelle e categorie superiori. Contributi che si applicano solo ai primi tre giorni di permanenza, restano comunque proporzionati alla categoria della struttura ricettiva e si azzerano dal quarto giorno in avanti.

L’aumento della tassa di soggiorno consentirà di incrementare le entrate già per l’anno in corso – da un introito di 220 mila euro nel 2022 a 350 mila euro per il 2023, con previsione di superare i 400 mila euro nei due anni successivi – pur incidendo in misura minima sul budget che ogni visitatore destina al proprio soggiorno: ipotizzando la tariffa di 60 euro per una singola in B&B, se ne pagheranno 61 anziché gli attuali 60.50 euro (comprensivi della tassa ad oggi in vigore), mentre per una camera da 100 euro in un hotel a 3 stelle l’esborso complessivo per il turista passerà dai 101 euro attuali a 102.

“Rendere sempre più concreto il ruolo di Piacenza”

“L’obiettivo – spiegano la sindaca Katia Tarasconi e gli assessori – è quello di rendere rendere sempre più concreto il ruolo di Piacenza come città capofila di una rete di offerte e proposte che coinvolgano tutta la provincia, le sue vallate e i suoi borghi. Un traguardo ambizioso ma realizzabile, che sia a sua volta il trampolino di lancio per potenziare il turismo e accrescere l’indotto che il settore può generare ad ogni livello. La nostra convinzione è che Piacenza e la sua provincia non abbiano niente da invidiare ad altri territori ad oggi considerati, dati alla mano, più attrattivi: si tratta solo di crederci e agire di conseguenza, programmando e promuovendo nuove idee con un orizzonte di medio e lungo termine”.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

App Galley