Basket, è una super Assigeco Piacenza: Jesi dominata 96-65

Assigeco Piacenza - Termoforgia Jesi

ASSIGECO PIACENZA – TERMOFORGIA JESI 96-65 (28-18, 24-18, 29-8, 15-21)

Piacenza: Diouf 4, Montanari 2, Ogide 20, Formenti 5, Antelli 5, Graziani 2, Piccoli 17, Ihedioha 10, Turini ne, Murry 19, Vangelov 4, Sabatini 8.
All. Ceccarelli.

Jesi: Dillard 10, Mentonelli ne, Mascolo 7, Baldasso 7, Santucci, Rinaldi 12, Valentini, Jones 20, Mwananzita 2, Totè 3, Lovisotto 4.
All. Cagnazzo.

La compagine di coach Ceccarelli ha mancato il tris di vittorie e, dopo il bel successo nel derby, si è fatta beffare al nel finale di partita da Ravenna nell’ultimo turno. L’obiettivo dei biancorossoblù è quello di tornare ai due punti immediatamente: al Palabanca arriva Jesi e si può parlare di scontro diretto a tutti gli effetti.

Obiettivo centrato, dato che una grandissima prova l’Assigeco Piacenza si impone sulla Termoforgia Jesi: il finale vede i biancorossoblù trionfare 96 a 65.
Per la verità la partita si apre con entrambe le squadre che si rispondono colpo su colpo: brillano gli attacchi, meno le difese. Murry entra subito in partita, Ogide domina a rimbalzo mentre Ihedioha è costretto ad un minutaggio limitato visti i due falli in avvio. Nel secondo quarto uno scatenato Piccoli (ex di giornata) raggiunge quota 12pt, bene anche Antelli dalla panchina, mentre Formenti non è in serata dall’arco (0 su 5 a fine gara).

Nonostante ciò, gli americani di Jesi vengono tenuti a bada da un’ottima difesa e il secondo quarto finisce con Piacenza avanti 52-36. Nel terzo quarto è puro dominio Assigeco: Jesi non segna per 5 minuti, mentre Piacenza macina pallacanestro e dominando a rimbalzo (sono 53 i ribalzi di squadra a fine gara) si porta sul massimo vantaggio di +39. Il quarto quarto è puro garbage time, con spazio per i ragazzi della panchina che comunque hanno mostrato un’ottima personalità.
Il migliore di questa affamatissima Assigeco è Ogide, con una doppia doppia da 20 punti e 11 rimbalzi; benissimo anche Piccoli (17 punti per lui, limitato solo dai falli) ed un solidissimo Murry da 19 punti.
Piacenza vince una battaglia fondamentale con una diretta concorrente per la salvezza, e sale a 4 punti di vantaggio sui marchigiani.

1° Quarto

Avvio scoppiettante di partita: pronti via e parziale di 10-2 per l’Assigeco Piacenza, grazie a Ogide e Murry in partita sin dall’inizio. Jesi è il terzo attacco del girone, e inizia a carburare: 6 i punti per Dillard, 7 quelli di Rinaldi. Esce Ihedioha per problemi di falli (2 in pochi minuti). Piacenza allunga ancora sul 25-15, grazie alle due triple sparate dall’ex Matteo Piccoli. Il quarto si conclude 28-18 per l’Assigeco Piacenza.

2° Quarto

Piccoli riprende da dove aveva lasciato: 2 punti facili prima sugli sviluppi della rimessa di Formenti, e bomba dall’arco che porta a 12 lo score personale. L’Assigeco serra i ranghi in difesa (4 le rubate) e Jones tenuto a 4 pt. Ottimo il contributo di Antelli con 5 punti in uscita dalla panchina. Ogide domina a rimbalzo e annusa la doppia doppia (12+8). Il quarto finisce con l’Assigeco avanti 52-36.

3° Quarto

L’Assigeco esce benissimo dagli spogliatoi: un super Murry si porta a 14 punti nel giro di un minuto e mezzo. Benissimo i ragazzi di Ceccarelli in difesa, salgono infatti a 7 le palle rubate dai biancorossoblù, tutte convertite in facili punti. Jesi non segna più: per i primi 5 minuti di quarto i marchigiani raccolgono solo ferri mentre l’Assigeco scappa via sul +30 facendo vedere un bellissimo basket. Piccoli è on fire: 15 pt per lui. Ogide raggiunge la doppia doppia (15 pt + 10 rt). Il massimo vantaggio Piacenza viene raggiunto sul +39; il quarto si chiude 81-44.

4° Quarto

Timido accenno di rimonta di Jesi in apertura di quarto, guidata da Jones. Ceccarelli manda in campo anche le seconde linee, Piacenza subisce qualcosa ma il parziale è talmente ampio (nonostante Jones raggiunga quota 20 punti) che la partita non viene rimessa in discussione: si tratta di garbage time. Il match finisce con l’Assigeco che surclassa Jesi 96-65.