Basket, legadue. L’Assigeco torna alla vittoria superando i Roseto Sharks 72-67

 

blank

L’Assigeco Piacenza torna a riassaporare il gusto della vittoria dopo tre stop consecutivi che hanno portato alle dimissioni di coach Zanchi con la squadra affidata al vice Cesare Riva.
Le vittime di turno sono i Roseto Sharks, fanalino di coda, con 6 punti raccolti in 21 partite.
Ben 5 giocatori in doppia cifra per l’Assigeco che si impone con il punteggio di 72-67 in una partita tirata e combattuta dal primo all’ultimo minuto.

 

LA CRONACA – Inizio di partita molto equilibrato e combattuto su ogni pallone, come da pronostico. Al 7’ l’Assigeco firma il primo mini-allungo con 5 punti consecutivi di Sanguinetti (17-10).
Roseto incontra non poche difficoltà a trovare la via del canestro. Lupusor (5 punti) e Carlino provano a limitare i danni ma è la tripla sulla sirena di Reati a regalare a Piacenza il +10 dopo i primi 10 minuti di gioco (24-14).
Il buon impatto, uscendo dalla panchina, di Oxilia (6 punti) contribuisce al nuovo massimo vantaggio dei biancorossoblu al 13’ (39-18).
Contento e Ogide rispondono mettendo a segno un controparziale di 10-0 che riporta Roseto a contatto (30-28 al 17’).
L’Assigeco soffre tremendamente a rimbalzo (8 rimbalzi offensivi concessi agli Sharks), incappando in troppe palle perse nella metà campo offensiva (6). Se a questo ci si aggiunge l’uscita per infortunio di Sanguinetti, la partita si complica ulteriormente per i ragazzi del neo-coach Cece Riva.
Piacenza che, nonostante tutto, riesce a riportarsi avanti andando all’intervallo lungo sul 39-35.

Al rientro in campo sono Ogide (17 punti) e Carlino (9 punti) a guidare la riscossa rosetana che riesce a chiudere il terzo quarto sotto di una sola lunghezza (52-51) grazie al canestro sulla sirena di Francesco Infante.
Infante, Formenti e il recupero con canestro in contropiede solitario di Oxilia riportano in quota l’Assigeco nei primi due minuti dell’ultima frazione (58-51).
Roseto è dura a morire e trova nuovamente la forza di riportarsi a -3 con la tripla da nove metri di Marulli quando mancano poco più di due minuti alla sirena finale (67-64).
Nel convulso finale Piacenza allunga a +5 con i liberi di Guyton prima che una tripla di Marulli e l’1/2 di Reati ai liberi tengano vive le speranze di rimonta degli ospiti. Ci pensa Guyton con un recupero su Carlino nei secondi finali a chiudere ogni tipo di discorso.
Finisce 72-67 per i biancorossoblu.

 

MOMENTO CHIAVE – Fondamentali i canestri di Formenti nel momento in cui Roseto sembrava poter rimettere la testa avanti nell’ultimo periodo e il sigillo finale con la palla rubata di Guyton su Carlino.

PROTAGONISTI BIANCOROSSOBLU – Per l’Assigeco cinque giocatori in doppia cifra: Guyton (13), Arledge (12), Formenti (11), Reati (11) e Oxilia (10), sintomo di un attacco ben equilibrato. 6 punti e 11 rimbalzi per capitan Infante autore di un’altra solida prestazione.

CURIOSITA’ STATISTICHE – Piacenza soffre a rimbalzo concedendo ben 17 rimbalzi offensivi agli Sharks.
Sono 13 i punti dell’Assigeco scaturiti da palla persa degli avversari a fronte dei soli 8 di Roseto.
La panchina biancorossoblu vince la sfida con quella rosetana 25-18, soprattutto grazie ai 21 punti complessivi realizzati dalla coppia Formenti-Oxilia.

PROSSIMO AVVERSARIO – Dinamica Generale Mantova, il 18 febbraio, alle ore 18 al PalaBam di Mantova.

 

ASSIGECO PIACENZA – ROSETO SHARKS 72-67 (24-14, 15-21, 13-16, 20-16)

Piacenza: Guyton 13, Passera, Sanguinetti 5, Diouf, Formenti 11, Infante 6, Seye ne, Livelli ne, Arledge 12, Oxilia 10, Amoroso 4, Reati 11. All: Riva.

Roseto: Carlino 12, Ogide 19, Lupusor 7, Contento 10, Di Bonaventura 3, Lusvarghi, Zampini, Casagrande 4, Marulli 8, Infante 4. All: Di Paolantonio.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank