Calcio, il Piacenza in posticipo al “Moccagatta”: biancorossi a caccia del bottino pieno. L’intervista a Stefano Gatti

Segui il match tra Piacenza ed Alessandria su RADIO SOUND. Ascolta STADIO SOUND, la trasmissione dello sport piacentino
Fischio d’inizio alle ore 20:45.

Un punto per ripartire. Il pareggio del “Silvio Piola” di Vercelli ha interrotto due settimane di digiuno per il Piacenza Calcio, ma ha anche dato altri verdetti positivi. Sì alla coesistenza tra Romero e Pesenti. I due non giocavano assieme da tempo, ma questo non significa che la coabitazione delle due punte sia per forza impossibile. Sull’azione del pareggio il primo ha servito Sestu con un bel tocco, il secondo ha magnificamente concluso di testa. Sì anche al 3-5-2, per lo meno in attesa di ulteriori conferme. Il modulo potrebbe essere una variabile interessante del consolidato 4-3-3 con cui il Piacenza ha costruito tanti successi nella prima parte di stagione.

L’opinione del Presidente Onorario Stefano Gatti sul posticipo al “Moccagatta” contro l’Alessandria.

Per restare agganciati alla parte alta della classifica i biancorossi devono però presto ritrovare i tre punti. Ci riproveranno già lunedì sera, nel posticipo della quattordicesima giornata di campionato, quando saranno impegnati al Moccagatta di Alessandria.
I Grigi hanno cambiato tanti interpreti ed hanno perduto il ruolo di big del girone che avevano recitato con costanza nelle ultime stagioni. Faticano anzi maledettamente a trovare la rete (solo 10 gol fatti ) ed hanno incassato qualcosa come16 gol su 13 partite. Gli uomini di Gaetano D’Agostino hanno vinto solamente due partite in tutto il campionato, per altro lontani dal Piemonte.
Il Piacenza, pur orfano del tecnico Arnaldo Franzini (ha rimediato due turni di squalifica in quel di Vercelli per proteste), dovrà approfittare dei favori del pronostico. Non sarà a disposizione Corradi, mentre tornerà nel cuore della difesa Bertoncini.

Probabile che il Piacenza nella fase iniziale possa ritornare al 4-3-3