Callori (Forza Italia): “Riorganizzare la pulizia di fiumi e torrenti perché sia più efficiente”

Riceviamo e pubblichiamo la nota di Fabio Callori, consigliere nazionale Anci, in relazione alla pulizia degli alvei dei fiumi e dei torrenti.

“Il Fiume Po ed i suoi affluenti, sono un’ importante risorsa per tutti i Comuni rivieraschi ed occorre quindi averne particolare attenzione per evitare che da rilevante volano turistico a sostegno dell’economia, si alterino negativamente rendendo pericolose le zone lambite. Assolutamente necessaria quindi la scrupolosa pulizia degli alvei dei fiumi e dei torrenti per evitare che nei periodi di forti piogge l’accumulo di legname e detriti contro i piloni dei ponti favoriscano straripamenti ed esondazioni pericolose per l’incolumità della popolazione e per i conseguenti danni anche ad immobili ed infrastrutture. Occorrono convenzioni e/o accordi di programma con associazioni o gruppi di cittadini per permettere l’eliminazione dei detriti e del legname a garanzia di sicurezza.

E’ inoltre necessario che vi sia una gestione unica dei Fiumi, un solo soggetto che in modo univoco lo gestisca dalla sorgente alla foce; non hanno senso regole, direttive e metodi di coordinazione differenti a seconda del territorio che il corso d’acqua lambisce. Ho chiesto quindi, in qualità di Consigliere Nazionale ANCI, che l’Associazione stessa si faccia portavoce presso l’Assessorato Regionale e il Ministero competente al fine di un intervento tempestivo e risolutivo per provvedere sia alla preventiva e costante pulizia dei fondi dei torrenti e dei fiumi per evitare che l’accumulo di legnami e detriti contro i piloni dei ponti favoriscano straripamenti ed esondazioni, sia che si giunga ad una gestione univoca dei corsi d’acqua dalla fonte all’ estuario indipendentemente dai territori lambiti.”