Coronavirus – La moglie del 38enne è incinta all’ottavo mese

Coronavirus tra preoccupazione e fake news

E’ incinta ed è un’insegnante, che però al momento non sta lavorando, la moglie del 38enne ricoverato all’ospedale di Codogno. Anche lei risulta contagiata dal coronavirus come il marito.

blank

La donna insegna a Codogno (ma non al liceo Novello come si era saputo in un primo momento) per questo si sta decidendo anche come procedere a scuola anche se, secondo quanto si apprende, era in congedo maternità e da alcune settimane non andava a scuola.

Le condizioni della moglie sono positive.

Positivi ai test anche sua moglie – un’insegnante di liceo di Codogno, incinta all’ottavo mese – e uno stretto conoscente, entrambi ricoverati in isolamento al Sacco di Milano.

Conte:ordinanza che dispone il trattamento di isolamento per tutti colo che sono venuti a contatto e certificati positivi.

Approfondimenti

Coronavirus, il 38enne al corso della Croce Rossa – GLI SPOSTAMENTI

Il 38enne contagiato lavora nella sede della multinazionale dell’azienda UNILEVER ITALY HOLDINGS S.R.L

Coronavirus – Verifiche Ausl anche nel Piacentino

Coronavirus, un contagiato ricoverato all’ospedale di Codogno. Altri due contagiati: la moglie e una terza persona

Si valuta quarantena in strutture militari

Le autorità sanitarie e quelle della Difesa stanno valutando l’ipotesi di utilizzare strutture militari come supporto per la quarantena.

Fabrizio Pregliasco, virologo: “Possibilità di contenere il contagio ma rischio pandemia c’è”

I primi contagiati da coronavirus in Italia rappresentano “una situazione che si aspettava, successa già in diverse nazioni, perché è impossibile bloccare ogni possibile arrivo di soggetti a rischio”. A dirlo all’AGI è il virologo Fabrizio Pregliasco. Al momento “c’è la possibilità di piccoli focolai, ma ritengo che la nostra capacita’ di azione possa contenere il numero di casi a cinque o sei”. Per Pregliasco “i casi potranno, sperabilmente, rimanere pochi, legati ai soggetti che hanno avuto contatti stretti con la persona colpita”. Comunque, nel peggiore dei casi, “siamo più esposti al rischio di una pandemia, rispetto all’influenza stagionale, perché questo è un virus ‘nuovo’, mentre per l’influenza c’è una parte di cittadini coperta dalle infezione degli anni precedenti e dal vaccino”.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank