Covid, contagi ancora in calo del 24% ma l’attenzione resta alta: “Scongiurare la terza ondata per gestire al meglio i vaccini di gennaio” – AUDIO

blank

Prosegue la curva discendente dei contagi. Nel corso della settimana che va dal 7 dicembre al 13 dicembre i nuovi casi sono stati 592, un calo del 23,6% rispetto alla settimana precedente. Il tasso di positività si attesta a 2,1 ogni mille abitanti, al di sotto della media regionale di 2,5. Resta leggermente superiore però alla media nazionale che invece è di 1,9.

blank

Aumenta il rapporto dei tamponi positivi sul totale di quelli effettuati: su 11170 tamponi (tra antigenici e molecolari) il 7,7% è risultato positivo, rispetto al 6,8% della settimana precedente. Ma in questo caso esiste una spiegazione per così dire ‘burocratica’.

Questi dati riguardano esclusivamente i tamponi molecolari, aspetto che va ad aumentare la percentuale dei positivi. In realtà, considerando anche quelli antigenici, la percentuale si abbassa notevolmente, fino al 5,3%“, commenta Luca Baldino, direttore generale dell’Ausl.

“I dati sono confortanti, dal momento che si tratta di una percentuale (7,7%) minore rispetto a Emilia Romagna, Lombardia e Italia, rispettivamente 10,9%, 9,2% e 10,5%”.

La curva, pur essendo in calo, sta iniziando ad appiattirsi. Significa che nei prossimi giorni non vedremo cali drastici“, commenta Baldino.

Il 44% dei nuovi positivi è stato rintracciato da Contact Tracing, solo l’8% dopo un passaggio all’ospedale e pronto soccorso, 7% nelle Case Residenza per Anziani.

Attualmente sono 1808 le persone in quarantena per contatti stretti e rientri da aree a rischio, la scorsa settimana erano 2123. Diminuiscono anche le persone in isolamento perché Covid-positive: da 1595 a 1182.

Il sistema sanitario non è attualmente sotto pressione: al 13 dicembre erano 239 le persone ricoverate per Covid, molto lontano dai numeri del 31 marzo quando erano 716, tanto per capirsi. Anche gli accessi al pronto soccorso per Covid sono circa 10 al giorno.

Medesimo discorso riguarda la Terapia Intensiva: sono 13 i pazienti ricoverati al momento, al 6 aprile erano 156.

I decessi sono stati 25, contro i 38 della settimana scorsa.

“Piacenza sta calando più della media regionale e nazionale. Non possiamo però rilassarci: abbiamo comunque avuto 592 nuovi contagi e 239 le persone ricoverate per Covid. Sono comunque numeri ancora alti. Dobbiamo scongiurare una terza ondata. A gennaio inizieremo a vaccinare e sarebbe davvero complesso avviare questo iter contestualmente a una ripresa del contagio. Il sacrificio che stiamo chiedendo ai nostri cittadini è importante, proprio in vista della campagna vaccinale”.

I vaccini a Piacenza arriveranno intorno alla metà di gennaio, ma su eventuali date l’Ausl non si sbilancia.

Per prenotare i tamponi

II Cuptel 800.651.941 sarà attivo il sabato dal 19 dicembre fino al 31 gennaio (escluso il 26.12 ) dalle ore 8 alle 14 per sole prenotazioni di tamponi.

Entro questa settimana, inoltre, gli operatori che effettuano la sorveglianza sulle persone positive potranno prenotare direttamente i tamponi di guarigione, evitando che il cittadino debba chiamare in modo autonomo il servizio di prenotazione.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank