Droga, attrezzi da scasso e minacce: fine settimana impegnativo per i carabinieri in Valtrebbia

Guidavano in stato di ebbrezza, Sorpreso a rubare

Dalla droga alla guida agli attrezzi da scasso, controlli dei carabinieri e quattro denunce in Valtrebbia. Nell’ultimo fine settimana, sabato 13 e domenica 14 aprile, i carabinieri della Compagnia di Bobbio hanno effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio.

I controlli si sono concentrati sia nei centri abitati, di Bobbio, Rivergaro, Travo, sia lungo la principale arteria stradale che collega la città alla valle : la Statale 45.

Nel servizio sono scese in campo le pattuglie delle Stazioni di Bobbio, Rivergaro, Pianello ed Agazzano. Inoltre una pattuglia del Nucleo Radiomobile che ha garantito un pronto impiego.

Controlli su strada

Numerosi sono stati i posti di controlli disposti. Molteplici sono stati i veicoli e le persone controllate. Capillare è stata l’attenzione per la prevenzione degli incidenti stradali, attraverso verifiche mirate circa l’eventuale abuso di sostanze stupefacenti o alcoliche di persone alla guida. Difatti, i militari hanno sorpreso un 45enne piacentino in possesso di modiche quantità di hashish e segnalato alla Prefettura quale assuntore di sostanze stupefacenti. Mentre per un 30enne di origini siciliane è scattata la denuncia perché alla guida della sua Fiat Punto sotto l’influenza di sostanze stupefacenti.

Attrezzi da scasso in auto

Due sono stati gli automobilisti, fermati a Travo, che i carabinieri hanno denunciato dopo aver trovato nella loro auto oggetti atti allo scasso. Si tratta di un 57enne, nato a Cutro, e di un 43enne cittadino rumeno. Entrambi residenti a Cremona ed entrambi pregiudicati per reati contro il patrimonio. Erano a bordo di una Volkswagen Polo. Una donna 51enne, nata a Milano ma residente a Travo, pregiudicata, invece, è stata denunciata per reiterate ingiurie e minacce alla sua titolare.

Tali servizi coordinati ed attività continueranno ad essere svolte settimanalmente dai Carabinieri del Comando Provinciale di Piacenza anche in altre zone della provincia. Al fine di rendere sempre più incisiva l’azione del controllo del territorio e prevenire la consumazione dei reati predatori.