Ztl, Unione Commercianti: “Analizzare la situazione pensando agli esercenti”

Ztl, Unione Commercianti: “Analizzare la situazione pensando agli esercenti”. “Condividiamo quanto affermato dall’assessore alla viabilità Paolo Mancioppi sull’opportunità di analizzare con più attenzione la situazione attuale delle aree di accesso al nostro Centro Storico”. Esordisce così Alberto Malvicini, direttore dell’Unione Commercianti Piacenza. “E’ necessario valutare quelle che sono aree pedonali da quelle a ZTL, rendere chiare le segnalazioni di accesso e differenziare gli orari di entrata. Dopotutto la suddivisione merceologica delle aree della città è variata nel tempo nonché gli stili di consumo delle persone”.

“Tuttavia – continua il direttore – crediamo che tale processo debba essere svolto con molta attenzione e valutando l’esistente. Dobbiamo evitare ad esempio il ripetersi di scelte che sulla carta potevano apparire corrette ma risultate penalizzanti per le attività commerciali. Mi riferisco – precisa il direttore – all’inclusione all’interno della ZTL di via Scalabrini: decisione che ha portato a svuotarla delle attività commerciali esistenti”.

“In merito alla fine del periodo di sperimentazione dell’accesso anticipato alla ZTL – sottolinea poi Malvicini – si sarebbe potuto prolungarlo fino alla approvazione del PUMS. Ci rendiamo conto che questa soluzione non costituiva assolutamente la risposta unica a tutte le criticità che affliggono il centro storico, tuttavia rappresentava un segnale di vicinanza ai commercianti”.

Le parole di Raffaele Chiappa

“Importante – sottolinea il presidente Raffaele Chiappa – sarà il percorso partecipato individuato dall’assessore Mancioppi. Occorrerà stare attenti e porre in essere scelte che dovranno integrarsi con altre. Mi riferisco ad esempio alla creazione di aree di sosta che sono in procinto, si spera, di essere realizzate. Questo perché – prosegue il presidente – non dobbiamo dimenticare che tutto quanto è connesso: accesso alla ZTL, aree di sosta e, perché no, orari di chiusura e apertura delle attività. A tal proposito suggerirei di ripristinare la segnaletica dei parcheggi esistenti, segnaletica che, se non erro, risulta fuori uso in alcune aree della città”.

“Dal canto nostro come associazione – conclude il direttore – proporremo un sondaggio interno tra i commercianti per comprendere quanto l’apertura anticipata ha inciso e per verificare anche una loro opinione in merito, questionario che metteremo a disposizione dell’Amministrazione. In attesa, naturalmente, invitiamo anche i nostri commercianti a compilare quello già predisposto dal Comune in merito alla mobilità urbana che termina il 31 Gennaio”.