Falsi bollettini inviati per posta alle aziende, Camera di Commercio: “Non pagate”

Continua purtroppo la circolazione di bollettini di pagamento recapitati alle aziende che inducono ad eseguire versamenti che possono apparire ricondicibili alle Camere di Commercio, ma che in realtà esulano completamente dagli obblighi delle imprese verso gli enti camerali. L’ultima segnalazione riguarda l’iscrizione al Registro Telematico Imprese, con richiesta del pagamento di una somma per il periodo di imposta 2017.

Il Bollettino di versamento porta ad un conto corrente intestato a società privata. Nei documenti che accompagnano il bollettino di versamento viene citata la Camera di commercio, che non è minimamente coinvolta nell’iniziativa.
Ricordiamo che il diritto annuale camerale deve essere pagato esclusivamente con il modello F24 e non attraverso bollettini di versamento su conto corrente postale. Ci sono state segnalate anche richieste di dati di iscrizione trasmessi tramite fax alle imprese che citano la Camera di Commercio finalizzati all’iscrizione in Registri che nulla hanno a che vedere con le attività istituzionali dell’Ente.

Ogni volta in cui si generi un dubbio è possibile contattare l’URP ai numeri 0523 386276-277.