Fondazione vittime dei reati, Tagliaferri (Fd’I): “Nessuna chiarezza sulla distribuzione dei fondi”

blank

“Verba volant, facta manent. Lo dicevano i latini e qui i fatti sono rappresentati dalla relazione dell’Attività 2017 della Fondazione emiliano-romagnola per le vittime dei reati, pubblicata sul sito della Regione Emilia-Romagna, mentre a volare è l’accattivante dissertazione in commissione del presidente della Fondazione, lo scrittore noir Carlo Lucarelli, per cui tutto è bello e buono e serve a dare aiuto e sostegno. L’idea è giusta. Aiutare davvero in qualche modo le vittime di crimini violenti. Ma quali vittime? E qui casca l’asino. Perché non è assolutamente chiaro quali parametri oggettivi siano utilizzati per destinare tali aiuti in modo obiettivo e trasparente, dando le stesse possibilità a qualunque cittadino vittima di un crimine”.

blank

Lo afferma Giancarlo Tagliaferri, presidente del gruppo di Fratelli d’Italia.

“Qui, infatti, sembra che si scelgano i destinatari delle risorse sulla base di segnalazioni di sindaci. Segnalazioni discrezionali. E, infatti, andando a leggere le scelte fatte dalla Fondazione qualche interrogativo ce lo poniamo: 27 segnalazioni accolte nel 2017 su 28 per 44 persone aiutate, 24 stranieri e 20 italiani, grazie all’elargizione di contributi pari a 201.000 euro. Tra gli stranieri aiutato anche un richiedente asilo aggredito da un italiano forse disturbato mentale, ma i contorni della vicenda non sono chiariti ulteriormente. E’ evidente la scelta discrezionale e politica. Magari fra le migliaia di reati contro la persona che avvengono in questa regione ogni anno, molti altri sarebbero quelli da prendere in considerazione. Ma qui sembra che si proceda a vista, lo conferma la relazione stessa: “la prevalenza di casi da Reggio Emilia è legata alla conoscenza del nostro organismo da parte di quel territori”. Di bene in meglio. Insomma, come ho detto, da un’idea buona è nato il solito baraccone ideologico modello Pd emiliano-romagnolo. Un baraccone, come ce ne sono tanti altri in Regione che scialacquano risorse dei contribuenti in operazioni su cui emergono molti dubbi”.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank