Il bimbo viene sollevato di peso per una caviglia, le immagini che inchiodano le due educatrici – VIDEO

blank

blank

Mentre una ammetteva, si fa per dire, le proprie colpe: “Forse ho esagerato” la più giovane ha accolto i carabinieri dicendo: “Io non ho fatto nulla”. Entrambe, però, credendo di essere sole avevano dichiarato tra loro: “Se dovessero scoprire cosa facciamo ci arrestano”. E infatti così è stato. Anche perché i carabinieri della Stazione Levante hanno fissato telecamere nascoste nell’aula assegnata alle due donne, piacentine di 55 e 30 anni. Telecamere che hanno raccontato agli inquirenti i maltrattamenti nei confronti dei bimbi che le istruttrici avrebbero dovuto curare e proteggere. Telecamere che mostrano atteggiamenti bruschi e violenti: dagli strattoni alle sberle ingiustificate, assestate mentre i bimbi stanno dormendo. Insulti, che dai video si possono solo intuire, e minacce come: “Ti apro la testa in due”.

In uno dei video allegati si nota una delle due educatrici seduta accanto a un bimbo sdraiato sulla stuoia: il piccolo inizia ad agitarsi e la donna, di tutta risposta, appoggia una gamba sulla sua testa con l’intenzione di tenerlo fermo. In un altro fotogramma si nota invece la collega che si trova a dover posizionare un lenzuolino sotto un bimbo che sta dormendo: per raggiungere lo scopo afferra il piccolo per una caviglia, lo solleva di peso come fosse un animale e dopo aver collocato il lenzuolo lo lascia cadere in malo modo.

Episodi che si verificavano ogni giorno, a cui ha messo fine una terza operatrice, inorridita dal comportamento delle colleghe: la donna si è rivolta ai carabinieri e da lì sono partite le indagini. Indagini che hanno costretto i militari della Levante a osservare scene indegne e stomachevoli. Non appena le prove sono divenute sufficienti è scattato il blitz. Ora le due maestre sono accusate di maltrattamenti, pena che prevede dai due ai sei anni di reclusione.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank