Il messaggio del vescovo Ambrosio: “Apriamo il nostro cuore agli altri, così possiamo affrontare le difficoltà”

“Il mio pensiero, per questo Natale, va alle persone che soffrono e sono in difficoltà, magari perché senza lavoro”. Esordisce così il vescovo della diocesi di Piacenza e Bobbio, monsignor Gianni Ambrosio, nel suo messaggio natalizio alla comunità. “Il mio invito è quello del profeta Isaia, anche lui vissuto in un’epoca difficile in cui nel cuore di molte persone regnavano disperazione e rassegnazione. Un’epoca per certi versi molto simile alla nostra. Isaia invita ad allargare la tenda, fare spazio per qualcuno che deve arrivare, essere ospitali”.

blank

“Questo vale anche per noi: dobbiamo essere pronti all’accoglienza, perché solo nell’incontro con i nostri fratelli e le nostre sorelle noi riviviamo il grande mistero del Natale: il Signore si è fatto uomo come noi ed è giunto in mezzo a noi, nella nostra tenda, per poterci aiutare e donarci di nuovo la speranza. L’attesa di qualcuno che deve arrivare rappresenta la speranza nel futuro, vivere il senso dell’attesa è una capacità che oggi abbiamo perso e da ciò deriva la nostra incapacità di affrontare le difficoltà”.

“Senza speranza il nostro cuore è come una culla vuota, per questo motivo mentre preghiamo cerchiamo di interrogarci, di metterci in discussione: ‘Siamo in grado di guardare avanti? Siamo in grado di guardare agli altri che hanno bisogno? Siamo in grado di guardare ai giovani?’. Preghiamo per poter essere come Maria e Giuseppe, in grado di prenderci cura dei più picccoli, dei più poveri, di coloro che hanno bisogno di noi. Solo così il nostro cuore non resterà vuoto. L’augurio che rivolgo a tutti, dunque, è che quella stella che arriva sulla grotta di Betlemme possa illuminare anche il nostro cammino”.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank