Il sociologo Paolo Mario Buttiglieri fonda il Partito di chi non vota: “A essere eletti dovrebbero essere i dipendenti pubblici, non i politici” – AUDIO

Martedì 18 ottobre nasce ufficialmente il PARTITO DI CHI NON VOTA. L’idea è del sociologo Paolo Mario Buttiglieri. Alle ultime elezioni il 36,1 % della popolazione ha deciso di non votare. Fratelli d’Italia, il partito più votato in Italia, col 26% ha avuto 10,1 % in meno di voti di coloro che hanno deciso di non votare. Perché non votare?

blank

Il voto – spiega Paolo Mario Buttiglieri – è un atto di fede del cittadino nei confronti del Dio Stato. Quando era la Chiesa Cattolica che comandava i non credenti erano gli eretici. Lo Stato è una organizzazione religiosa autoritaria che non prevede la libertà. Ad impedire la libertà sono tutte le leggi che lo Stato crea e che fa rispettare avvalendosi di funzionari armati (esercito, polizia, vigili urbani etc.)“.

A essere eletti non dovrebbero essere i politici, ma tutti i dipendenti pubblici. Questo renderebbe lo Stato “veramente” democratico. In questo modo un dipendente pubblico, invece di nascondersi dietro alla burocrazia, si darebbe da fare per svolgere bene il proprio lavoro per essere rieletto, mantenendo il posto di lavoro, alle elezioni successive“.

Chi è interessato a conoscere questo partito e le sue iniziative può richiedere l’invio gratuito della newsletter della biblioteca Franco Battiato di Fiorenzuola, che avrà una rubrica fissa dedicata al partito e alle sue iniziative.

blank
Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank