Inizia l’avventura del Piacenza ai playoff: domenica la sfida alla Juve U23

JUVE U 23 - PIACENZA

Comincia al “Moccagatta” di Alessandria l’avventura ai playoff per il Piacenza Calcio. I biancorossi hanno chiuso la classifica al nono posto e dovranno per forza vincere nei 90’ contro la JUVENTUS UNDER 23 se vorranno passare il turno.

Ascolta i 32ESIMI di finale dei playoff JUVENTUS U23 – PIACENZA su RADIO SOUND

Piacenza, ora serve la tua migliore versione

In quest’anno calcistico i biancorossi ci hanno abituato a tutto, nel bene e nel male. Il Piacenza è una squadra strana, l’unica assieme al Salò che può vantarsi di aver battuto il Sudtirol, già promosso in serie B. Eppure è anche la squadra che, con la partita in pugno, domenica scorsa si è fatta recuperare 2 reti di vantaggio in casa dal Seregno. Quei dieci minuti finali rappresentano esattamente ciò che il Piacenza non può permettersi in questo momento, ossia passaggi a vuoto nell’arco della partita. Certo peserà parecchio l’assenza di capitan Cesarini che con quella sciocchezza a due giornate dalla fine del campionato si è auto escluso dall’appuntamento più importante della stagione, però i ragazzi di Scazzola (che per altro è squalificato e lascerà a Moreno Greco il compito di dirigere la squadra) hanno la qualità per riuscire nell’intento.

blank

Juve U23, una mina vagante

La squadra di Zauli ha rappresentato l’incognita del girone A dall’inizio alla fine del campionato. Dispone di tanti giocatori di talento, ma alcuni di loro spesso vengono inseriti nella prima squadra di Allegri, come l’argentino Matias Soule o il belga De Winter (che ha giocato persino in Champions), o Fabio Miretti.
Ne sa qualcosa il Piacenza che nei due precedenti di campionato ha rimediato un pareggio per 1-1 in casa ed una pesante sconfitta ad Alessandria (4-0).

Il percorso ai playoff

Il Piacenza passerebbe il turno solo in caso di vittoria nei 90’, in virtù del miglior piazzamento in stagione i bianconeri possono avvalersi anche del pareggio come pass per i sedicesimi. In caso di successo la truppa di Scazzola affronterebbe la Triestina al Nereo Rocco il 4 maggio in caso di passaggio del turno di Lecco e Pro Vercelli, impegnate rispettivamente con Pro Patria e Pergolettese con vantaggio del campo e la possibilità di passare anche con il pareggio. Se una delle due non dovesse passare il turno, invece, in caso di vittoria il Piacenza affronterebbe la miglior classificata della vincente delle altre due sfide del girone A.

La probabile formazione del Piacenza

Il piano di Scazzola è chiaro: attendere la Juventus e lasciare ai bianconeri il possesso palla per poi ripartire in contropiede con Munari, Gonzi e Rabbi ad attaccare gli spazi.

(4-4-2): Tintori, Parisi, Nava, Cosenza, Marchi, Gonzi,  Rossi, Suljic, Munari, Rabbi, Dubickas. In panchina Moreno Greco

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank