La lettera di Sebastiani a Perazzi: “Abbiamo litigato, poi Elisa si è allontanata”. Domani l’autopsia

Siamo andati a pranzo insieme poi abbiamo raggiunto casa mia. Abbiamo litigato nel pollaio, Elisa si è allontanata e da quel momento non l’ho più vista“. Sono parole che Massimo Sebastiani avrebbe scritto in una lettera. Lettera lasciata nella cassetta della posta dell’abitazione di Silvio Perazzi, il 68enne arrestato per favoreggiamento. La stessa casa di Sariano nei pressi della quale i carabinieri hanno rintracciato Sebastiani sabato scorso.

L’intervista di Silvio Perazzi a Pomeriggio 5.

Nella missiva Massimo racconterebbe nei dettagli la giornata del 25 agosto. Il pranzo assieme a Elisa al ristorante Il Lupo, a Ciriano di Carpaneto, e la lite con Elisa nel pollaio a Campogrande di Carpaneto. Ometterebbe però il fatto di aver ucciso l’amica spiegando che sarebbe scappata dopo il fatto. Un racconto che contraddice la confessione fatta da Massimo dopo il fermo di sabato scorso che ha condotto i carabinieri fino al corpo senza vita di Elisa.

Dopo il ritrovamento della lettera Perazzi chiamò immediatamente i Carabinieri che avrebbero trovato nella casa del 68enne l’agenda dove sarebbero stati strappati da Massimo i fogli per scrivere la missiva.

L’autopsia sul corpo della vittima è prevista a Pavia mercoledì 11 settembre. Sempre domani Silvio Perazzi, accusato di favoreggiamento, sarà ascoltato dal Giudice per le indagini preliminari Luca Milani. Il 68enne nega di aver “coperto” gli spostamenti di Massimo, ma secondo gli inquirenti Sebastiani – che oggi sarà ascoltato dal Gip – avrebbe passato diversi momenti durante la fuga nascosto nel solaio dell’amico.

Oggi, 10 settembre, Massimo affronterà l’interrogatorio di garanzia. Domani, invece, sarà effettuata l’autopsia sul cadavere della 28enne.

In un video l’omicidio di Elisa? Il corpo vegliato per giorni tra i boschi di Sariano