Legge sul testamento biologico, Pd: “Un atto di civiltà, un passo avanti verso i diritti del malato”

blank

“L’approvazione della legge sul testamento biologico rappresenta un atto di civiltà per il nostro Paese, per la dignità delle donne e degli uomini. Una legge che autorizza tutti a prevedere, quando ancora siamo nel pieno delle nostre facoltà, in grado di intendere e di volere, a decidere che non vogliamo accanimenti terapeutici nel momento finale della nostra vita”. Un passo in avanti nella direzione della libertà e della consapevolezza dei diritti del malato – così il Pd piacentino sottolinea l’importanza del passo compiuto dal Parlamento, come uno degli ultimi atti del suo mandato – La legge sul testamento biologico introdurrà il diritto all’interruzione delle terapie, che finora doveva passare dai tribunali. La legge permette – entro alcuni limiti – di esprimere in anticipo quali trattamenti medici ricevere nel caso di gravi malattie. In particolare, consente a qualsiasi maggiorenne la possibilità di rinunciare ad alcune terapie mediche, in particolare alla nutrizione e all’idratazione artificiale. Questa interruzione può essere ottenuta anche con le cosiddette “disposizioni anticipate di trattamento” (DAT), un documento nel quale si può indicare a quali terapie si vuole rinunciare e a quali condizioni, nel caso in cui a un certo punto si sia impossibilitati a esprimere la propria preferenza. Il paziente può anche chiedere di essere sedato in maniera continua e profonda, in modo da poter essere accompagnato senza dolore verso la fine. Di fatto il diritto all’interruzione delle terapie, comprese nutrizione e idratazione artificiale, era già stato ottenuto per via giurisprudenziale, cioè grazie alle sentenze dei tribunali; ora sarebbe allargato a tutti, per legge.

blank

“Riteniamo positiva l’approvazione delle legge – ribadiscono i Democratici piacentini – pur con la sobrietà dovuta ad un tema di grande sofferenza per i singoli, i familari, gli operatori della sanità. Non possiamo però non rimarcare il fatto che la legislatura che si va chiudendo ha portato a importanti riscontri sul piano dei diritti civili: oltre al biotestamento, le leggi sulle unioni civili, del “dopo di noi” a tutela delle persone disabili rimaste sole, l’introduzione del reato di tortura, la legge contro il consumo di suolo a tutela dell’ambiente, quella sull’autismo, quella contro lo spreco alimentare, il divorzio breve e, infine, la legge a tutela dei minori non accompagnati. Il Partito Democratico è stato ed è il perno intorno a cui una importante stagione di difesa dei diritti ha prodotto effetti molto positivi per le persone e le famiglie. Orgogliosi di questi risultati ci prepariamo per la imminente campagna elettorale anche nella nostra provincia.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank