Murelli e Pisani: “Tutelato il made in Italy con l’origine del cibo in etichetta”

Legittima difesa

«Finalmente sapremo da dove arriva il cibo che mangiamo. Il tesoro agroalimentare italiano sarà valorizzato e tutelato e renderà la vita dura ai cibi tarocchi spacciati per made in Italy. La norma difenderà i consumatori e i posti di lavoro dell’agricoltura e delle filiere agroalimentari. Aiuterà anche il food piacentino, in particolare le produzioni di punta come salumi o pomodoro».

blank

Sono soddisfatti i parlamentari della Lega, Elena Murelli e Pietro Pisani, dopo l’approvazione il 29 gennaio, all’interno del decreto Semplificazione, dell’emendamento nelle Commissioni Lavori pubblici e Affari costituzionali del Senato che introduce l’obbligo di indicare in etichetta l’origine di tutti gli alimenti. Il testo passerà ora alla Camera, ma non dovrebbe subire modifiche. Pisani era tra i firmatari del disegno di legge del capogruppo della Lega in Commissione agricoltura, Gianpaolo Vallardi. Il Ddl era poi stato trasformato in emendamento e inserito nel decreto Semplificazione.

«Eravamo convinti di questa norma – continuano Murelli e Pisani – tanto che avevamo firmato la campagna di Coldiretti “stop cibo falso”. La norma estende a tutti i prodotti alimentari l’etichettatura obbligatoria del luogo di provenienza geografica degli alimenti». Una consultazione del ministero delle Politiche agricole aveva rilevato che il 96% degli italiani chiedeva l’origine dei cibi in etichetta. «Un grazie al Governo e al ministro Gian Marco Centinaio – concludono i parlamentari del Carroccio – che ha creduto in questa necessità. Purtroppo, a danneggiare il food italiano resta la schizofrenia della Ue che consente alcune indicazioni, ma non altre: obbliga l’indicazione di origine in etichetta per le uova, ma non per gli ovoprodotti; per la carne fresca, ma non per i salumi».

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank