Nuovo dpcm, Lertora (Fipe): “Ancora una volta gli esercenti usati come capro espiatorio” – AUDIO

Bar, posti solo a sedere

Nuovo Dpcm: “Ancora una volta la nostra categoria viene usata come capro espiatorio per risolvere tutti i problemi dell’universo“. Questo il commento amareggiato di Cristian Lertora, presidente di Fipe, branca di Unione Commercianti che riunisce i titolari dei pubblici esercizi.

Radio Sound blank blank blank blank

“Per l’ennesima volta un provvedimento sbagliato perché non risolve la problematica Covid. Chiudere a mezzanotte o all’una, non cambia nulla in ottica di contagio. Pensiamo poi ai piccoli bar del centro storico che hanno pochi tavoli all’interno: in questo senso significa chiudere un intero comparto economico. Pensate poi ai locali serali del centro che aprono alle 19. Questi fanno tre o quattro ore di apertura, significa annullare un intero settore”.

“Dopo tre mesi di chiusura e dopo tutte le limitazioni successive arrivano ora questi nuovi limiti. Il governo dovrebbe almeno supportare titolari, dipendenti e le loro famiglie con contributi economici a fondo perduto. Diversamente significa una cosa sola: il vostro comparto economico non ci interessa più, dovete morire”.

“Aiuti? Fino ad oggi i pubblici esercizi non hanno percepito nulla, a parte i 600 euro che posso garantire non sono serviti a niente. Se hanno in programma qualcosa, lo tengono ben nascosto perché noi non siamo al corrente di nulla”.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank