Nuovo dpcm, Lertora (Fipe): “Ancora una volta gli esercenti usati come capro espiatorio” – AUDIO

Bar, posti solo a sedere
Piacenza 24 WhatsApp

Nuovo Dpcm: “Ancora una volta la nostra categoria viene usata come capro espiatorio per risolvere tutti i problemi dell’universo“. Questo il commento amareggiato di Cristian Lertora, presidente di Fipe, branca di Unione Commercianti che riunisce i titolari dei pubblici esercizi.

“Per l’ennesima volta un provvedimento sbagliato perché non risolve la problematica Covid. Chiudere a mezzanotte o all’una, non cambia nulla in ottica di contagio. Pensiamo poi ai piccoli bar del centro storico che hanno pochi tavoli all’interno: in questo senso significa chiudere un intero comparto economico. Pensate poi ai locali serali del centro che aprono alle 19. Questi fanno tre o quattro ore di apertura, significa annullare un intero settore”.

“Dopo tre mesi di chiusura e dopo tutte le limitazioni successive arrivano ora questi nuovi limiti. Il governo dovrebbe almeno supportare titolari, dipendenti e le loro famiglie con contributi economici a fondo perduto. Diversamente significa una cosa sola: il vostro comparto economico non ci interessa più, dovete morire”.

“Aiuti? Fino ad oggi i pubblici esercizi non hanno percepito nulla, a parte i 600 euro che posso garantire non sono serviti a niente. Se hanno in programma qualcosa, lo tengono ben nascosto perché noi non siamo al corrente di nulla”.

Iscriviti per rimanere aggiornato!

Compilando i campi seguenti potrai ricevere le notizie direttamente sulla tua mail. Per garantire che tu riceva solo le informazioni più rilevanti, ti chiediamo gentilmente di mantenere aggiornati i tuoi dati.

Radio Sound
blank blank