Operazione Ghost, otto condanne alla banda di scassinatori guidata da “Dracula” il mago delle casseforti. VIDEO

banda di scassinatori guidata da "Dracula"

Piovono condanne ridotte per la banda di scassinatori capace di mettere a segno diversi colpi nel piacentino durante l’estate del 2016.

Il giudice Luca Milani ha emesso otto condanne per i vari componenti della banda. Il 33enne, considerato la guida del gruppo di malviventi e un vero mago nell’aprire le casseforti tanto da essere chiamato “Dracula”, è stato condannato al termine del processo breve  a sei anni e 4 mesi. 

La banda aveva individuato come base una cascina tra le campagne di Podenzano, struttura nella quale i malviventi nascondevano la refurtiva subito dopo i colpi.

Sono 15 i furti accertati, commessi in pochi mesi, da giugno a dicembre 2016. In particolare venivano prese di mira abitazioni e locali di Podenzano, ma non solo. I colpi potrebbero essere molti di più, commessi anche a Piacenza e nelle province di Bergamo e Brescia.

Una banda di veri professionisti

La banda di scassinatori guidata da “Dracula” in effetti adottava qualsiasi precauzione. Essendo in tanti, i ladri entravano in azione a rotazione, in modo da non destare sospetti durante i sopralluoghi. Chi operava si muniva di walkie talkie e lasciava a casa il telefono cellulare per non lasciare alcuna traccia.

Dopo il colpo, l’autista di turno attendeva i complici lontano dall’abitazione appena svaligiata in modo da confondere ancora di più eventuali testimoni. Insomma, veri e propri fantasmi, da qui il nome dell’operazione “Ghost”.

Proprio nel 2016, però, i residenti di Podenzano hanno iniziato a lamentare un’escalation di furti innaturale che ha spinto i carabinieri a sospettare la presenza di una banda radicata sul territorio.

Invisibili e infallibili, autori di decine di furti in provincia: otto arresti, sgominata la banda di “Dracula” – FOTO, VIDEO e AUDIO