Pensioni, Coldiretti: “Serve una deroga per i lavoratori agricoli autonomi”

Non solo gli operai agricoli, ma anche i lavoratori autonomi agricoli, ovvero i coltivatori diretti, che svolgono i medesimi lavori e anche con maggiore intensità, devono essere ricompresi tra le attività usuranti da esentare dall’adeguamento automatico dell’età pensionabile all’aspettativa di vita. E’ quanto chiede Coldiretti Piacenza nel commentare l’ipotesi dello stop dell’aumento a 67 anni dell’età dal 2019 per 15 categorie di lavori gravosi: oltre alle 11 già fissate dall’Ape social, altre 4 (agricoli, siderurgici, marittimi e pescatori).

blank

Secondo Coldiretti Piacenza il lavoro nei campi, soprattutto nell’agricoltura ad alta specializzazione come quella piacentina con le colture vitivinicole e gli allevamenti, ha tutte le caratteristiche per rientrare tra le attività usuranti da esentare dall`adeguamento automatico dell’età pensionabile all’aspettativa di vita. Ben venga dunque l’estensione alla categoria degli operai agricoli dell’ipotesi di anticipo pensionistico da riconoscere quali soggetti che svolgono lavori usuranti ma deve naturalmente ricomprendere anche i coltivatori diretti.

“L’estensione della deroga nelle campagne – commenta Marco Crotti, presidente di Coldiretti Piacenza – è una spinta per il ricambio generazionale in un settore dove si assiste ad una crescente domanda di lavoro da parte di giovani, ma anche una necessità per ridurre, con nuove energie, l’impatto degli infortuni sul lavoro in agricoltura”.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank