Pergolettese – Piacenza, i biancorossi vogliono chiudere in bellezza il tour de force

Pergolettese - Piacenza

Una boccata d’ossigeno. I 3 punti colti con il Legnago rappresentano una bella iniezione di fiducia per il Piacenza di Cristiano Scazzola. Nonostante le squalifiche e gli infortuni i biancorossi si sono dimostrati superiori all’avversario nell’arco dei 90’ ed hanno legittimato il successo. Il tour de force non è però ancora completato. All’appello manca la sfida di domenica pomeriggio, ore 14:30, in quel di Crema con la Pergolettese.

blank

Ascolta Pergolettese – Piacenza su RADIO SOUND

I biancorossi ritrovano il mago. Diamo a “Cesare” quel che è di “Cesare”

Non c’è dubbio, la sua assenza è pesata non poco. Cesarini è quel giocatore che sa accendere la lampadina e disegnare calcio. Che sia mancato come l’ossigeno lo si è capito in occasione del match con il Legnago. Il Mago ha segnato 2 gol, uno dei quali gli è stato ingiustamente annullato, ha servito palloni invitanti e ha dato profondità alla squadra con le sue giocate. E’ sicuramente la freccia in più dell’arco di Scazzola e se gli infortuni non ne centellineranno l’utilizzo il Piacenza farà un salto qualitativo importante anche sul fronte offensivo. Ci si aspetta tanto da lui, a cominciare dalla sfida di domenica pomeriggio.

Testa alla Pergolettese, al “Voltini” sarà un’altra partita da vincere

Al “Voltini” il Piacenza si troverà davanti una squadra ferita. I gialloblù di mister Stefano Lucchini ad oggi sono la squadra con la peggior difesa del campionato: sul dato incide la pesantissima sconfitta di mercoledì per mano del Seregno. Una serata da incubo per i Canarini che dovranno immediatamente voltare pagina. Un avvio di campionato non semplice per i padroni di casa, sconfitti per 4 volte in 6 partite.
Non sarà semplice, ma i biancorossi dovranno approfittare delle difficoltà dei padroni di casa che hanno sempre subito almeno un gol a partita. Vincere significherebbe non vanificare il successo di mercoledì scorso, ma anche tenere a debita distanza le parti basse della classifica. Nonostante la stanchezza non ci sarà quindi nessun turnover, anche perché dopo il match questa volta la squadra avrà ben due settimane per recuperare.
Simonetti rimane a disposizione del mister, ma è ancora a caccia della miglior condizione. Probabilmente rivedremo dall’inizio Giordano e Gonzi come esterni di centrocampo, mentre in difesa Marchi ha ormai scontato il turno di squalifica e sarà schierato dal primo minuto assieme ad Armini che si è ormai ripreso dall’infortunio.

La probabile formazione

Piacenza (3-5-2): Stucchi, Armini, Codromaz, Marchi; Giordano; Corbari, Bobb, Sulijc; Gonzi, Cesarini, Dubickas

Il turno di campionato

Domenica 3 ottobre, ore 14:30
Pergolettese – Piacenza
Fiorenzuola – Lecco
Feralpi – Pro Sesto
Mantova –  Juve U23
Padova – Seregno
Pro Patria – Virtus Verona
Pro Vercelli – Sudtirol
Renate – Trento
Triestina – Albinoleffe

La classifica

Padova 18; Pro Vercelli 14; Albinoleffe e Sudtirol 13; Lecco 12; FeralpiSalò e Renate 10; Trento 9 ; Triestina 8 ; Seregno, Mantova, Piacenza, Giana 7; Juve (u23) 6; Fiorenzuola 5; Virtus Verona, Pergolettese, Pro Patria 4 ; Legnago 2; Pro Sesto 1

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank