Piacenza Expo sempre più internazionale con Apimell, Seminat e Buon Vivere dal 1° al 4 marzo

Dall’1 al 4 marzo torna il tradizionale appuntamento a Piacenza Expo con Apimell, Seminat e Buon Vivere.

 

 

Apimell

Apimell, giunto alla 35esima edizione, si conferma la più importante e qualificata mostra-mercato dedicata ai prodotti, alle attrezzature e alle tecnologie per l’apicoltura di tutta Europa.

Su una superficie espositiva di oltre 10.000 mq., in cui sono attesi circa 33.000 visitatori, 139 espositori provenienti da 48 province italiane, ma anche da Australia, Croazia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Romania, Slovenia, Spagna, Turchia, Ungheria e Serbia, daranno vita ad una fiera internazionale che ha nell’innovazione, nella qualità dei materiali e nell’ecosostenibilità i propri segni distintivi. Un appuntamento imperdibile per gli apicoltori, per i tecnici, per i ricercatori e per i professionisti del settore desiderosi di adeguare le proprie strutture alle ultime novità che consentono una migliore gestione dell’alveare, ma anche una razionalizzazione dei costi di produzione. Apimell è l’appuntamento annuale per chi, in concomitanza con l’inizio della stagione apistica, ricerca tutte le possibili soluzioni tecniche ed operative per l’allevamento e la cura delle api, la produzione, la trasformazione e il confezionamento dei prodotti dell’alveare. Una grande rassegna espositiva, quindi, che sarà completata con i prodotti dell’alveare per usi cosmetici, alimentari e curativi.

Apimell mette in vetrina a Piacenza Expo le più importanti e principali novità di un settore che in Italia – grazie anche all’ampia varietà di fiori a disposizione, utili a produrre 51 tipologie di miele differenti – è in crescita costante da diversi anni: un settore che conta, su tutto il territorio nazionale, circa 1,2 milioni di alveari e 45.000 apicoltori censiti, di cui 20.000 a carattere professionale. Un settore che nel 2017 ha fatto registrare in Italia un giro d’affari di circa 165 milioni di euro per la commercializzazione e la vendita dei vari prodotti (miele, cera, propoli, polline, pappa reale e veleno d’api).

Apimell – che, come da tradizione, si svolgerà in contemporanea con Seminat, mostra-mercato dedicata al giardinaggio e alla floricultura, e con il salone enogastronomico Buon Vivere – godrà quest’anno di un giorno in più d’apertura: la mostra, visto il crescente numero di espositori e di visitatori, aprirà infatti al giovedì.

 

Seminat

Nei padiglioni di Piacenza Expo sta per alzarsi il sipario anche sulla 37a edizione di Seminat, storica mostra-mercato dedicata alle piante ornamentali e da frutto, alle sementi, alle attrezzature da giardino e a tutte le principali e più importanti novità del florovivaismo. Dall’1 al 4 marzo 2018, infatti – in contemporanea con Apimell, mostra internazionale dedicata all’apicoltura, e con il salone enogastronomico Buon Vivere -, Seminat porterà nei padiglioni espositivi del quartiere fieristico piacentino (a 500 m. dal casello di Piacenza Sud dell’Autostrada A1), un vero e proprio centro commerciale naturale aperto non solo ai professionisti e agli operatori del settore, ma anche agli amanti del giardinaggio e agli appassionati di frutticoltura.

L’edizione 2018 di Seminat si presenta ai visitatori con un ulteriore valore aggiunto, legato agli incentivi fiscali introdotti dalla Legge di Stabilità attraverso il cosiddetto “Bonus verde”: la normativa prevede, infatti, detrazioni a favore di chi effettua spese ed investimenti per la sistemazione del verde di aree scoperte di pertinenza delle unità immobiliari private di qualsiasi genere, come terrazzi, giardini, balconi (anche condominiali), ma anche per la realizzazione di impianti di irrigazione e per lavori di recupero di aree verdi e giardini di interesse storico.

Per agevolare l’afflusso dei visitatori – costantemente ed esponenzialmente in crescita negli ultimi anni – Seminat anticiperà quest’anno l’apertura al giovedì, un giorno in più rispetto alle precedenti edizioni. L’evento, animato da una quarantina di espositori provenienti da diverse regioni italiane, sarà arricchito anche da una serie di seminari tematici e da corsi brevi di tecnica giardiniera e di manutenzione del frutteto familiare; lezioni teorico-pratiche gratuite, incentrate su un approccio informativo e introduttivo, per apprendere le nozioni base della potatura, conoscere le tecniche di taleaggio e riscoprire frutti ed essenze antiche ormai dimenticate.

 

Buon Vivere

Saranno anche quattro giornate – dall’1 al 4 marzo 2018 – interamente dedicate ai sapori e alle tipicità dei vari territori del nostro Paese. E’ la sintesi perfetta di Buon Vivere, la mostra-mercato organizzata da Piacenza Expo che, grazie alla presenza di 70 produttori provenienti da tutta Italia (ma anche da Francia e Belgio), mette in vetrina le eccellenze e le tipicità dell’enogastronomia. Buon Vivere è un autentico mercato variopinto e saporito: dall’olio extravergine di oliva dell’entroterra pugliese ricco di delicati profumi all’immensa dispensa di sapori delle terre ducali, dai vini regionali italiani agli Champagne. E ancora: i prodotti da forno artigianali di Trentino, Liguria, e Puglia, il lardo di Colonnata più ricercato, i prodotti ittici di Lampedusa, le passate, le marmellate e le composte delle aziende agricole di territori campani. Sono solo alcune delle eccellenze e delle tipicità che si potranno apprezzare a Buon Vivere e a cui – come da consuetudine – si affiancheranno quelle del territorio piacentino, da sempre conosciuto ed apprezzato per la sua storia e tradizione enogastronomica.

Un affascinante ed invitante itinerario del gusto all’insegna della genuinità e della tipicità dei territori italiani, con la possibilità di effettuare degustazioni e acquisti singolari. Per l’occasione, Coldiretti proporrà una “Piazza di prodotti del territorio” con degustazioni guidate. Un itinerario del gusto con diverse tappe, che vanno dalla merenda all’aria aperta, ai momenti di educazione alimentare espressamente ideati per i visitatori più giovani. Si rinnova anche quest’anno la collaborazione con Confcooperative che, come da tradizione, proporrà una risotteria nel Padiglione 2. Altra presenza storica quella del Consorzio Salumi Piacentini con uno spazio dedicato alle merende a base delle tre Dop del territorio: salame, pancetta e coppa.