Primo consiglio provinciale per Patrizia Barbieri: “Questa sarà la casa dei sindaci”

Primo consiglio Provinciale, ieri, sotto la guida del Presidente Patrizia Barbieri che ha prestato giuramento leggendo la formula di rito “Giuro di osservare lealmente la Costituzione italiana”. Disponibilità e ringraziamenti bipartisan da parte di tutti i consiglieri. Ad aprire gli interventi Paola Galvani: “Finalmente un presidente della Provincia donna – e che donna – che grazie alla sua professionalità saprà guidare l’amministrazione provinciale, supportata dalle competenze del personale di questo ente. Ringrazio inoltre anche l’ex presidente Rolleri per il lavoro svolto.”

A seguire anche Luca Quintavalla, Alessandro Piva e Patrizia Calza con un corale augurio di buon lavoro e la disponibilità “a collaborare per il bene del territorio al di là dei colori politici, fino a che questo Consiglio resterà in carica. Riconosciamo pienamente il ruolo del Presidente Barbieri, eletto secondo il meccanismo che prevede la Legge Delrio”.

Anche Matteo Lunni ha voluto ringraziare la precedente amministrazione che è riuscita nel difficile compito di “costruire” una nuova Provincia alla luce della nuova normativa.

Il Presidente, dopo un ringraziamento ai precedenti amministratori e al Presidente Rolleri, ha spiegato nuovamente le motivazioni per cui non sono state distribuite le deleghe: “Mi riservo di valutare successivamente al rinnovo del consiglio provinciale il conferimento di deleghe per materia. Ciò non certo per volontà di accentrare, ma perché voglio utilizzare questa peculiare fase di transizione per meglio comprendere le diverse problematiche che impegnano il nostro Ente, anche per individuare le soluzioni più opportune ad assicurare un ampio coinvolgimento di tutti i nostri territori. Credo in un sistema di condivisione della programmazione e della progettualità – continua Patrizia Barbieri – è necessario condividere soluzioni, senza dimenticare la mancanza di adeguate risorse. Questa sarà sempre più la “Casa dei Sindaci”, lavoreremo insieme per dare risposte ai territori dando la priorità alla viabilità e ai lavori pubblici.

Tra le comunicazioni del presidente previste in Consiglio anche la data per le nuove elezioni dei consiglieri che si terranno il 10 febbraio 2019: “L’Unione delle Province chiede di fare le Elezioni Provinciali prima possibile. E’ necessario lasciare 40 giorni per organizzare le candidature e quindi la prima data utile è il 10 febbraio.

All’ordine del giorno anche una variazione al bilancio di previsione, la programmazione dell’offerta di istruzione e l’organizzazione della rete scolastica per l’anno 2019/2020 e la nuova bozza di convenzione per il supporto ai Comuni in materia sismica. Tutto approvato all’unanimità.