Protocollo quadro sicurezza esercizi commerciali, anche per Piacenza è realtà – AUDIO

blank
Piacenza 24 WhatsApp

Il Protocollo quadro per la legalità e la sicurezza delle imprese in materia di video-allarme antirapina siglato a livello nazionale il 12 dicembre 2019 tra Ministero dell’Interno, Confcommercio – Imprese per l’Italia e Confesercenti è ratificato a livello provinciale.

Al termine di una serie di incontri presieduti dal Prefetto Daniela Lupo, che hanno visto il coinvolgimento delle Forze dell’Ordine e delle Associazioni di Categoria l’intesa è diventata ora una realtà.

Un protocollo in materia di video‐sorveglianza antirapina” che la prefettura e le forze dell’ordine hanno sottoscritto con i presidenti di Unione Commercianti Piacenza – Confcommercio Imprese per l’Italia e Confesercenti Piacenza, in attuazione del “Protocollo di intesa” siglato a livello nazionale tra il Ministro dell’Interno ed i Presidenti nazionali delle due Associazioni di categoria.                

 Tale iniziativa, estesa anche a CNA si inserisce nel più ampio contesto di “sicurezza partecipata”, essenziale per raggiungere l’obiettivo comune di migliorare le condizioni di vivibilità del nostro territorio, attraverso la collaborazione di tutti i soggetti interessati, rendendo più tempestivo ed efficace   l’intervento delle Forze di Polizia, grazie all’impiego di moderni strumenti tecnologici.

Protocollo quadro sicurezza ufficialmente attivato

Con l’adesione delle associazioni di categoria è ufficialmente realtà anche l’accordo con il Ministero dell’Interno rappresentato dalla Prefettura di Piacenza ha spiegato il direttore di Confcommercio Piacenza Gian Luca Barbieriquesto protocollo quadro per la legalità e la sicurezza delle imprese sottoscritto a livello nazionale è ratificato anche sul territorio della nostra provincia”.

Si occupa della materia dei video allarme antirapina, con questo protocollo sono formalizzati dei percorsi che permettano alle imprese di poter installare dei sistemi che le colleghino direttamente alle centrali operative di Polizia e Carabinieri“.

Il sistema sarà attivabile da parte delle imprese nel momento in cui si verificheranno delle situazioni critiche”.

Protocollo quadro sicurezza a vantaggio anche dei cittadini

Il protocollo prevede anche l’installazione delle videocamere ha specificato Barbieri oltre che all’interno degli esercizi commerciali anche all’esterno nelle immediate vicinanze egli stessi“.

Quindi le forze dell’ordine saranno in grado di monitorare anche la situazione esterna così in caso di intervento sarebbero già in gradi di valutare la situazione su cui stanno per agire”.

L’importanza del protocollo

E’ molto importante si tratta del coronamento di un percorso durato qualche mese che a messo allo stesso tavolo con il Prefetto Daniela Lupo ancora Barbierile forze dell’ordine e le associazioni di categoria, un accordo che ci ha soddisfatto e di cui ora ci impegneremo alla massima diffusione tra i nostri associati”.

Cabina di Regia per il monitoraggio

L’adesione all’intesa, frutto di un percorso che ha visto la partecipazione delle forze
dell’ordine, del Sindaco del Capoluogo e delle associazioni firmatarie costituisce un
ulteriore tassello del sistema della sicurezza partecipata, unitamente ad un più efficace
coinvolgimento della Polizia locale anche mediante i propri referenti dei gruppi di vicinato.

Ai fini del monitoraggio dell’andamento e dell’efficacia del protocollo verrà costituita in
Prefettura una Cabina di Regia composta da rappresentanti delle parti firmatarie e delle
Forze dell’Ordine.

Iscriviti per rimanere aggiornato!

Compilando i campi seguenti potrai ricevere le notizie direttamente sulla tua mail. Per garantire che tu riceva solo le informazioni più rilevanti, ti chiediamo gentilmente di mantenere aggiornati i tuoi dati.

Radio Sound
blank blank