Questo vivere in un mondo virtuale, resterà dopo la quarantena?

Con tutti coloro che attualmente vivono ogni giorno così come viene, è difficile immaginare come la nostra vita e il nostro lavoro si svolgeranno dopo l’isolamento e quali cambiamenti apporteremo una volta tornati alla nostra vita “normale”. 

blank

Radio Sound blank blank blank

Stiamo assaporando in questi giorni un poco di normalità, nonostante molte cose non siano ancora a posto.

Come esseri umani sembriamo sempre trovare un modo per adattarci, ma usiamo anche questo come un’opportunità per imparare, in modo che quando le cose si normalizzeranno, potremo migliorare quello che avevamo prima.

Il cambio più grande è stato sicuramente nel modo in cui ci siamo rapportati con il mondo, entrando, sempre di più, in una dimensione virtuale. Lavoro tramite internet, amici tramite internet, appuntamenti tramite internet e tanto altro ancora.

Siamo diventati “virtuali” quasi da un giorno all’altro.

Vita nel mondo virtuale, oggi

Chi avrebbe mai pensato che avremmo piazzato delle scommesse su un cavallo computerizzato per vincere il Grand National, cercare siti dove si gioca online gratis e senza registrazione o chattare con la nonna su Zoom?  Abbiamo imparato a cucinare con Jamie Oliver, abbiamo visto Maccio Capatonda intrattenere tutti noi dal vivo ogni sera, abbiamo fatto insegnare ai nostri figli la matematica tramite webcam e letto le favole della da internet. 

Senza dimenticare le meme quotidiane, quasi ogni ora, che ci hanno fatto ridere e risollevare il morale

C’è stata anche un’ascesa fulminea nei pub virtuali, nelle serate in discoteca e nei concerti. Mi chiedo se questo sia qui per restare.. o presto verranno dimenticati? Al momento non lo sappiamo, ma certo, è un po’ presto per capirlo.

Lavorare in questo mondo

In passato le aziende sono state riluttanti e spaventate dai cambiamenti, soprattutto quando si trattava di argomenti riguardanti il lavoro flessibile, il lavoro da casa e il lavoro a distanza. È qui che potremmo vedere i cambiamenti più grandi di tutti, incorporare questi cambiamenti nel nostro modo di lavorare permetterà sicuramente alle aziende di selezionare e assumere candidati da un più ampio bacino di talenti

Ho già sentito parlare di aziende che offrono indennità per le scrivanie da casa e prestiti sui computer portatili. L’affitto è spesso il secondo più grande costo per qualsiasi azienda (dietro i costi dei dipendenti), quindi vedremo le aziende trasferirsi in uffici più piccoli con una grande proporzione del loro personale che lavora da casa ogni settimana? 

Con l’aumento del lavoro da casa, un altro aspetto positivo è l’aumento delle opportunità per le persone con disabilità che non riescono a raggiungere un ufficio ogni giorno e per i genitori che tornano al lavoro dopo il congedo di maternità o di paternità.

Non tutto il male andrà per nuocereVedendo questi cambiamenti, sembra quindi che non tutto il male andrà per nuocere dopo questa quarantena. Ci vorranno ovviamente mesi prima di vedere però tutti i lati positivi e negativi e capire qual è veramente il bilancio di tutto questo periodo passato in casa. Noi una passeggiata per strada l’abbiamo fatta, ma certo, volete mettere il non dover trovare scuse per stare a casa la sera?

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank blank