Referti medici a pagamento, i sindacati: “Fascicolo sanitario elettronico sistema non ideale”

Medici di famiglia
Piacenza 24 WhatsApp

I sindacati rappresentanti dei pensionati intervengono sulla stampa a pagamento degli esami di laboratorio effettuati all’Ausl. “Se si ha il Fascicolo Sanitario Elettronico non vengono comunque stampati gratuitamente”.

“Un euro e cinquanta centesimi sono tanti o sono pochi? Dipende. Possono essere molti per un pensionato a 600 euro al mese. Possono essere un problema. Occorre tornare come rappresentanza dei pensionati sulla convenzione, mai emersa durante gli incontri con l’Asl, tra azienda sanitaria e Federfarma per la stampa in farmacie convenzionate degli esiti degli esami di laboratori dietro al pagamento di 1,50 euro”.

“Abbiamo letto attentamente la risposta che Federfarma e Asl hanno dato. Si dice in quelle righe che si possa andare ai centri prelievi per ritirare gli esami. La realtà però è ben diversa: quando un utente si reca in uno dei punti adibiti al ritiro dei referti, se ha il Fascicolo sanitario elettronico, il referto non gli viene stampato. E’ una prassi di fatto che riscontriamo soprattutto all’ospedale Guglielmo da Saliceto. Si tratta di una policy aziendale o si tratta di “casi isolati”?”

“In più, occorre dire che il sistema di FSE (fascicolo sanitario elettronico) non è un sistema ideale in primis per chi ha una certa età, infatti ogni giorno vengono persone a “sbloccarlo” nelle nostre sedi, vuoi per malfunzionamenti o per password scadute che vanno rinnovate periodicamente”.

Iscriviti per rimanere aggiornato!

Compilando i campi seguenti potrai ricevere le notizie direttamente sulla tua mail. Per garantire che tu riceva solo le informazioni più rilevanti, ti chiediamo gentilmente di mantenere aggiornati i tuoi dati.

Radio Sound
blank blank