Ridimensionamento e nuovi macchinari, timori per una decina di lavoratori alla Gardesa

blank

Fibrillazione nel mondo del lavoro piacentino, e nello specifico alla Gardesa di Cortemaggiore. Tra i dipendenti della ditta, appartenente al gruppo svedese Assa Abloy non manca la preoccupazione. La voce che circola, infatti, è quella che i vertici possano annunciare altri esuberi, 12 a essere precisi. I motivi risiedono in una riorganizzazione che potrebbe richiedere all’azienda un numero inferiore di lavoratori rispetto a quello attuale.

blank

In primis i timori sono legati alla possibile cessione del magazzino a una ditta impegnata nel campo della logistica. Un ridimensionamento che potrebbe rendere superflui quattro lavoratori. A ciò si aggiunge il rinnovamento tecnologico: da quanto emerge, infatti, la dirigenza avrebbe effettuato importanti investimenti acquistando moderni macchinari. Tecnologie che, a quanto pare, renderebbero obsoleta parte della manodopera, si parla di circa sette operai che potrebbero essere soppiantati da braccia meccaniche. Infine, il ridimensionamento porterebbe alla possibilità di fare a meno di un’unità nel reparto amministrazione. Insomma, si parla di circa 12 esuberi, numeri comunque da confermare.

Le sigle sindacali sono pronte a un confronto con la dirigenza nelle prossime ore, incontro che potrebbe chiarire la situazione dell’azienda magiostrina.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank