Salvato dalla moglie dopo l’arresto cardiaco, Furlan(118) “Progetto Vita insegna la strada da percorrere” – AUDIO

Progetto Vita è un’associazione all’avanguardia a livello nazionale che sta insegnando la strada da percorrere. A dirlo a Radio Sound è il Responsabile del 118 Area Vasta Ovest Adriano Furlan all’indomani della notizia, a lieto fine, di una tragedia evitata a Piacenza per la prontezza di una signora che ha salvato il marito, grazie alla guida degli operatori del 118 e per gli insegnamenti appresi nell’evento di sabato in Viale Dante organizzato da Progetto Vita.

“La nostra filosofia è chiara – spiega Furlan – prima si interviene sul paziente in arresto cardiaco, meglio è. I primi che chiamano il 118 sono dunque i più indicati a ricevere le istruzioni per soccorrere qualcuno in difficoltà e quindi a loro vanno insegnate le manovre di rianimazione cardiopolmonare che possono essere applicate anche con una guida telefonica. Siamo felicissimi dell’esito positivo della vicenda di Piacenza perché è la prova che quanto descritto prima è possibile per salvare una vita e il cervello di una persona in arresto cardiaco. E’ un’azione da fare in pochi minuti e Progetto Vita di Piacenza che è all’avanguardia a livello nazionale sicuramente sta insegnando che questa è la strada da percorrere”

 

Abbiamo raggiunto un traguardo importantespiega Daniela Aschieri Presidente di Progetto Vitaper la vita salvata, ma anche perché dopo l’evento di sabato abbiamo avuto la dimostrazione che il sistema Progetto Vita-118 funziona e che anche andare insegnare per strada le semplici mosse salvavita serve, perché la signora piacentina che ha salvato il marito è stata un elemento cruciale nella vicenda. Lei ha dichiarato infatti quanto le sia servito aver assistito al lavoro degli studenti delle scuole superiori presenti sabato scorso all’evento in viale Dante”.

 

 

Assiste alle dimostrazioni di Progetto Vita, due giorni dopo salva il marito col defibrillatore