Stefano Torre al Festival internazionale della poesia di Genova

Domenica 19 giugno 2022, poeta il piacentino Stefano Torre sarà al festival internazionale di Poesia di Genova, intitolato PAROLE SPALANCATE e giunto alla ventottesima edizione.

L’incontro pubblico è previsto per le ore 18 al Peter Pan White, nei giardini intitolati a Giacomo Lercaro sul litorale di Genova Quinto.

blank

L’occasione sarà quella della presentazione del volume antologico IL GOMMONE FORATO, curato da Tania Di Malta ed al quale ha partecipato con 5 poesie anche il poeta piacentino, notissimo in città per le sue performances surreali da candidato sindaco.

blank

IL GOMMONE FORATO

L’antologia, edita da puntoacapo, ha come sottotitolo: “la poesia civile del realismo terminale”, e raccoglie opere dedicate ad alcuni temi forti degli ultimi anni nell’ambito della giustizia sociale, dalla ricorrenza della morte di Giuseppe Pinelli, alla dipartita di Giulietto Chiesa, di Willy Monteiro Duarte e di Gino Strada, al ritiro dall’Afghanistan delle truppe occidentali, alle moltitudini di immigrati che affollano i campi al confine della Bosnia in condizioni disumane.

I nomi coinvolti nella raccolta sono prestigiosi, da Guido Oldani, padre fondatore del Realismo Terminale, a Giuseppe Langella, a Tania di Malta, a Brunivo Buttarelli e Gaetano Grillo su tutti.

TANIA DI MALTA CURATRICE DEL VOLUME

Nella nota introduttiva, Tania Di Malta definisce l’antologia una sorta di Calendario da scorrere evento per evento, in modo critico, per ricordare chi eravamo e cosa ci è successo. Insomma, si tratta di un compendio utile per rileggere alcuni degli eventi degli ultimi anni con una chiave di lettura non proprio scontata ed anzi, estremamente critica della realtà attuale e dotata di una sorta di vis profetica che, seppur in modo non monolitico, comunque propone ottiche diverse per interpretare il mondo e la sua sorte.

blank

STEFANO TORRE

Stefano Torre, oltre alla pubblicazione di due volumi con le raccolte: “Marinai e poeti sono tutti morti” ed il “cristallino di piombo”, ha partecipato con i suoi testi a numerose antologie, tra le quali ricordiamo: “Nascondere Nagasaki” ed “Hacker pentiti contro i realisti terminali” edite da Mursia. Ha inoltre pubblicato il volume: “Il principe di Danimarca”, con riflessioni sulla antropologia della contemporaneità. Suoi testi sono stati oggetto di numerosi Reading a festival poetici, e pubblicati su riviste letterarie e non, in Italia ed all’estero.

Nella antologia Il gommone forato, le sue poesie sono raggruppate con il titolo de, Il Metro, a voler significare il nuovo metro di misura dell’uomo, basato su scale valoriali differenti da quelle del passato.

blank

IL REALISMO TERMINALE

Il Realismo Terminale, che trova nella poesia civile una sua naturale vocazione espressiva, è un movimento letterario ed artistico fondato nel 2010 da Guido Oldani, recente candidato al premio Nobel, che basa la sua ragion d’essere sulla constatazione del predominio degli oggetti, dei manufatti, rispetto alla natura.

È da qui che Oldani è partito per disegnare una vera e propria inversione dei termini di paragone, nella quale non sono più le Cose, gli oggetti, ad assomigliare alla natura ma viceversa.

Non è più l’auto da corsa a correre veloce come una lepre ma il contrario, perché è la lepre ad andare forte come un’auto. Non saranno più occhi azzurri come il cielo a farti innamorare, ma occhi chiari come perle o luminosi come lampioni, insomma l’uomo del terzo millennio ha bisogno di una raffigurazione che tenga conto del sopravvento della artificialità sulla naturalità, in una sorta di gara nella quale ciò che è artificiale corre spinto da un motore nuovo e potente, mentre la natura ha perso un cilindro nel suo motore ormai vetusto e bolso. Il sorpasso è inevitabile ed il distacco è sempre più grande.

Torre ha aderito al Realismo Terminale nel 2019, dopo aver conosciuto Guido Oldani e Tania Di Malta e da allora ha contribuito con la sua visione del mondo alla crescita del movimento.

blank

IL PUNTO DI VISTA DI STEFANO TORRE

Il punto di vista del poeta piacentino Stefano Torre è molto ben definito:

“Diciamo che ogni poeta o artista Realista Terminale ha una propria visione del mondo e delle problematiche che sta vivendo l’uomo contemporaneo, esprime quello che sente, che vede, mediato dalla propria sensibilità e dalla propria storia personale. In somma il mondo viene narrato da punti di vista anche molto diversi, accumunati però dal linguaggio utilizzato e da una sorta di visione profetica, poiché non basta narrare il presente, occorre proporre, seppur tra lerighe, una via d’uscita possibile da un miasma la cui tossicità è evidente a tutti.

Quindi il Realismo Terminale, ormai movimento pienamente maturo, sta prendendo tante strade, come preconizzato da Tania Di Malta, visto che si stanno presentando più bivi lungo il percorso. Tutto ciò arricchisce il movimento dotandolo della capacità di essere un vero e proprio caleidoscopio attraverso il quale osservare la realtà e concepire una nuova fondazione, in calcestruzzo, che sia base di una diversa umanità.

Io sono un complottista politicamente scorretto, mi piace mettere in discussione le cose, domandarmi cosa ci sia di sbagliato nella storia, nell’economia, persino nella astronomia che è una delle mie passioni più grandi, perché credo che sia giusto provare a verificare quel che diamo per assodato guardandolo da punti di vista differenti e magari tentare di utilizzare la fantasia. Provo meraviglia per quello che incontro lungo la mia strada, ogni volta che mi imbatto nel bello e mi innamoro, sia esso un oggetto, una persona o un fiore o qualunque altra cosa che di sorprendente e meraviglioso mi capita lungo il cammino.”

LA VISIONE PROFETICA DELLA REALTÀ

“Ed è da questo continuo sorprendermi che vien fuori il mio desiderio, d’essere un profeta, di poter offrire a chi si imbatte nei miei scritti, una via d’uscita possibile dai mali di cui soffre il mondo. Il mio punto di vista, frutto di un percorso personale emotivamente molto intenso, mi porta a dire che tutto passi attraverso una riscoperta della trascendenza, che a mio modo di vedere è l’esatto contrario del nichilismo, eletto ormai da anni a principe del mondo. Attraverso la religiosità, possiamo rimediare alla abnorme solitudine cui ci costringe la società del nichilismo. È questo il motivo per il quale utilizzo spessissimo nei miei testi poetici i riferimenti biblici, alla ricerca di qualcosa di sacro da restituire agli uomini.

Viviamo in una realtà che ci ha ridotto a numeri, a sigle alfanumeriche, come quelle del codice fiscale che io uso come firma, un mondo che ha raggiunto un livello di disumanità intollerabile e che ha bisogno di un cambio di rotta.

Purtroppo, quello che manca è una visione a lungo termine, senza la quale diventa impossibile immaginare, desiderare e operare ad un fine utile. Quindi ci arrabattiamo in un vivere giorno per giorno, senza futuro né passato.

Il compito del poeta non è dissimile da quello del sindaco giullare: scuotere la mente e far vibrare i cuori, alla ricerca dei tanti perché siamo diventati così, e di una profetica speranza nel futuro, ovvero restituire agli uomini la capacità di guardare nel tempo sia avanti che indietro.”

ECCO LE  POESIE DI Stefano Torre presenti nella Antologia IL GOMMONE FORATO

IL GOLGOTA DI STERCO

Ho perduto per colpa dell’arbitro

e mi ribello alla sentenza ingiusta

dopo aver dominato la partita

Il mio spirito muore di sete

che a questo matrimonio non hanno acqua

né Cristo tra i commensali ben vestiti

Disperato imparo il mio destino

che è l’esser diverso ed additato

crocifisso in su un Golgota di sterco

TRRSFN 17.1.2022


KABUL

la paura tessuta nel sipario

ha ridotto a un tavolo da biliardo

la campagna al limitare di Kabul

con le buche lasciate dalle bombe.

al mercato vendo democrazia

mentre un muezzin cantilena di sacro

come disco music in sottofondo

e sorge il sole come una lanterna.

l’esercito che fugge in ritirata

lascia il cadavere dell’occidente

lì a prendere vermi ed a marcire.

è scesa la notte e ci son le stelle

TRRSFN, 4 settembre 2021


SOLDATO

in memoria di Gino Strada

Le ferite si faran cicatrici

senza mai smettere di fare male

spurgano siero infetto senza sosta

tossico e fetido come vendetta.

Ma sei morto in un sacco di plastica

come immondizia per la discarica,

sotto I ferri dentro una tenda bianca

hai benedetto la disperazione.

Verità e menzogna stanno assieme

in prima fila al funerale in chiesa

a salutare un morto di paura

nel sacrosanto nome di libertà.

TRRSFN, 7 febbraio 2022

ASINTOTI NELL’INFINITO

In memoria di WILLY MONTEIRO DUARTE

Alta come la canna di un camino

Si innalza la fame di brutalità

Uccidere a calci placa la sete

In un deserto senza polle d’acqua

Le mani picchiano come martelli

Per non avere pietà e ammazzare

Poi nessuno potrà più dubitare

Della durezza immensa del tuo cuore

Come gli asintoti nell’infinito

In fine bene e male si toccano

Resta un sorriso che sale nel cielo

Ed un rimorso corrode l’anima

Come l’acido muriatico dentro

Quale pace per chi uccide un uomo?

TRRSFN, 17.9.2020

LE TORRI

in memoria di Giulietto Chiesa

le torri che vengono giù dal cielo

son la grande menzogna in bella vista

siamo tutti ciechi come gattini

peluche inumiditi di benzina

poi la terra è diventata piatta

per pagare il prezzo d’un’altra guerra

e salvare il culo della finanza

che il denaro è lo scopo ed il Dio

l’economia un empirico troiaio

che crea disperazione e povertà

come un gioco di magia sul palco

dove esser tra i poveri è la colpa

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank