Tagliaferri (Fdi): “Anticipare le vaccinazioni antinfluenzali a settembre”

Piacenza 24 WhatsApp

La Giunta si attivi affinché la campagna di vaccinazione antiinfluenzale per il prossimo anno sia realizzata fin da settembre e con farmaci in quantità sufficiente. A chiederlo, in un’interrogazione alla Giunta, è Giancarlo Tagliaferri (Fdi). Il consigliere mette in relazione l’utilità dei vaccini antinfluenzali con la necessità di contrastare anche con questo mezzo il coronavirus.

“Come ogni anno, in autunno inizierà a diffondersi tra la popolazione l’influenza stagionale, che si manifesta con sintomi analoghi a quelli del Covid-19, rendendo difficile distinguere, nelle fasi iniziali della malattia, di quale virus si tratti, con i conseguenti rischi di pericolosi ritardi nell’identificazione dei pazienti affetti da coronavirus.

A tal proposito, il direttore aggiunto dell’Oms, nel corso di una conferenza stampa della Protezione civile, ha richiamato la necessità di procedere per tempo alla più ampia vaccinazione contro influenza e pneumococco; questi infatti rappresentano fattori ‘confondenti’ nel caso di ripresa dell’epidemia di Covid-19”. Lo scrive Tagliaferri.

“E’ necessario che la Regione avvii al più presto una campagna informativa integrata e multimediale per promuovere un’estesa e tempestiva vaccinazione contro influenza e pneumococco; garantendo la gratuità dei vaccini, almeno per alcune fasce di popolazione, e iniziando la somministrazione nel mese di settembre”.

Da qui l’interrogazione alla Giunta per sapere se l’amministrazione regionale “intenda predisporre al più presto una stima aggiornata del fabbisogno di vaccino antinfluenzale e anti-pneumococcico; se intenda attivare quanto prima una campagna informativa integrata e multimediale per promuovere la vaccinazione contro l’influenza e lo pneumococco; se intenda garantire la gratuità dei suddetti vaccini almeno per le persone di età superiore a 55 anni”.

Inoltre, il consigliere vuole sapere se l’esecutivo regionale “intenda promuovere, attraverso la gratuità e altre idonee misure, comprese quelle indicate in premessa, il più ampio ricorso alla vaccinazione anti-influenza e pneumococco da parte del personale che lavora, a qualsiasi titolo, presso asili e scuole pubbliche e private, strutture sanitarie, socio-sanitarie e sociali”.

Radio Sound
blank blank