Tentato omicidio a Sariano di Gropparello, Lyamani Hamza condannato in primo grado a sei anni di carcere

Piacenza 24 WhatsApp

Pestato a sangue e abbandonato lungo il ciglio della strada. Condannato in primo grado a 6 anni per tentato omicidio Lyamani Hamza. Quella sera, insieme ad Hamza, era presente anche Bouchaib Youssef, il quale però ha scelto il rito abbreviato che si terrà più avanti.

Parliamo del grave fatto di cronaca avvenuto il 7 agosto 2021. Era sera quando un uomo privo di sensi era stato trovato lungo il ciglio della strada nei pressi di Sariano di Gropparello. Sul suo corpo evidenti segni di violenze.

Le indagini, iniziate subito dopo il ritrovamento in fin di vita della vittima, avevano permesso ai militari di Fiorenzuola di accertare i fatti. Secondo la ricostruzione, Hamza e Youssef, in concorso tra loro, all’interno dell’abitazione di uno dei due avrebbero aggredito il loro connazionale.

I due si erano accaniti contro il malcapitato colpendolo ripetutamente anche in testa, utilizzando un manico di scopa ed un ventilatore. Le sevizie sarebbero continuate per quasi un’ora, fino a quando, credendolo morto, avrebbero trasportato la vittima fuori dall’abitazione e lo avrebbero abbandonato oltre il ciglio di una strada, esanime.

La mattina del 21 agosto, i carabinieri di Fiorenzuola avevano rintracciato Hamza a Massa Carrara e, coadiuvati in fase operativa dai colleghi della locale compagnia, lo avevano fermato. Al termine delle formalità di rito, l’arrestato era stato condotto presso la casa di reclusione di Massa Carrara, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Ieri lo stesso provvedimento era stato notificato al complice, già detenuto alle “Novate” di Piacenza per altri reati.

Oggi si è celebrata la sentenza di primo grado che ha visto il collegio dei giudici, presieduto da Stefano Brusati, accogliere la richiesta del pm e condannare a 6 anni Hamza.

Radio Sound
blank blank