Tra cabaret e musica, è ricca l’estate a palazzo Farnese

Ferragosto in città, le iniziative culturali a Piacenza

Dopo quasi 20 anni, la città di Piacenza, per il tramite della Fondazione Teatri di Piacanza e dell’Assessorato alla Cultura del Comune, ritorna a promuovere una rassegna estiva di spettacoli di rango a Palazzo Farnese. Il presente progetto, premiato dalla commissione giudicatrice nominata come da bando pubblico pubblicato dalla Fondazione nel maggio scorso, nasce dalla sinergia di tre associazioni presenti da anni sul territorio: ArteMusica, focalizzata sulla formazione e sulla organizzazione di eventi musicali; Associazione Novecento, che con la rassegna Musiche Nuove a Piacenza ha compiuto una piccola rivoluzione, portando la nostra città al centro della musica d’autore internazionale; Musica & Cultura, nata solo due anni orsono, ma forte dell’esperienza musicale e orga- nizzativa trentennale del suo presidente nell’ambito della musica lirica, classica e pop, non che nella produzione di spettacoli di danza e nella prosa di qualità. Tutte le suddette entità hanno già collaborato sia con la municipalità cittadina che con la Fondazione Teatri e con il Conservatorio Nicolini.

blank

Partendo dall’assunto di codesto bando (capacità di suscitare una crescita culturale della collettività attraverso le varie proposte artistiche), la nostra proposta vuole distinguersi nettamente da una finalità di intrattenimento pura- mente commerciale, la quale costituirebbe la negazione del senso e della finalità stessa di un investimento pubblico in ambito artistico. Al contempo, la qualità degli eventi – in alcuni casi a dir poco stimolanti e che non tralascia la valorizzazione dei talenti locali – siamo certi che possa attrarre ampie fasce di pubblico, caratterizzandosi per una forte, originale e nobile connotazione popolare.

Il nostro progetto, infatti, mira a realizzare, nell’affascinante teatro naturale della corte di Palazzo Farnese, incontri musicali ed eventi spettacolistici di pregio, eventi che auspicabilmente sappiano attrarre non solo la cittadinanza, ma che siano in grado di alimentare (si pensi solamente alla serata con Philippe Daverio e Lamberto Curtoni…) quel flusso turistico di qualità già innescato nella nostra città da importanti iniziative passate o in essere. L’intento, in questo primo anno, è quello di gettare le basi per creare sinergie e innescare un processo virtuoso che renda possibile in pochi anni ospitare a Piacenza le stelle internazionali della musica e dello spettacolo, così come accade in molte città limitrofe (Bob Dylan a Mantova, i Rolling Stones a Lucca, Elton John e Sting a Barolo, ecc). Già rassegne come “Musiche Nuove a Piacenza”, ad esempio, hanno gremito le sale con un pubblico composto in mag- gioranza da spettatori provenienti da fuori provincia.

Mettiamo quindi a disposizione della nostra città esperienze più che decennali, conoscenze e amicizie maturate nel mondo dello spettacolo, al fine di presentare un ‘portfolio’ di iniziative che sappiano divertire, ma anche nu- trire i giovani di bellezza, toccando diversi stili e generi e affiancando a “vecchi leoni” il meglio delle nuove leve emergenti, le cosiddette “indie”.

La nostra proposta si articola in ben 10 incontri tra musica rock/progressive, classica, pop, prosa, cabaret e divul- gazione culturale, offrendo un’offerta a 360° di grande impatto. All’interno del cortile verrà anche allestita una mostra/mercato dei dischi in vinile da collezione (per le serate musicali) e di libri e film per gli incontri culturali e di prosa. Verrà realizzato un programma stampato della rassegna che ne illustrerà i contenuti esaustivamente.

Infine, particolare attenzione verrà riservata al costo del biglietto di ingresso che, stante la presenza centrale e il contributo dell’Amministrazione e della Fondazione Teatri alla produzione della rassegna, sarà popolare (massimo
€ 10).

IL PROGRAMMA

10 luglio – ore 21,30 (ingresso € 10)
PAOLO CEVOLI SHOW
Uno dei più amati comici italiani degli ultimi anni si esibisce in un assolo, sorta di rapsodia comica a partire da- gli spunti più interessanti offerti dall’italica cronaca (e non solo…). Lanciato a partire dal 2002 dal programma tv ZELIG nelle vesti dell’assessore Cangini Palmiro, l’ascesa di Cevoli ai vertici del gradimento del pubblico tele- visivo non ha più conosciuto soste. Ad oggi è considerato il comico italiano di maggior talento. Negli ultimi anni è stato protagonista altresì di spettacoli teatrali di successo quali Ah, che bel vivere! (2005) con Claudia Penoni, La Penultima Cena (2010), Musica Maestro (2011) con Andrea Poltronieri, Caterina Soldati e Roberto Ravaioli, Il Sosia di Lui (2012), Perché non parli (2015), La Bibbia (2017).

17 luglio – ore 21 (ingresso € 10)
Sezione Frenante
Nel 1974 prendono forma le prime esperienze della band sotto diversi nomi e diverse situazioni che continuano per tutto il decennio ma è nel 2006 che inizia un nuovo sodalizio nuovo sodalizio, la formazione cambia di poco rispetto a quella iniziale; ai quattro fondatori, Alessandro Casagrande (batteria), Mirco De Marchi (tastiere), Doriano Mestriner (chitarra), Federico Berto (testi e registrazioni), si aggiungono il bassista Sandro Bellemo e il cantante Francesco Nardo. Lentamente prende vita l’idea di completare il materiale composto molti anni prima, nasce così “Metafora di un Viaggio”, concept album ispirato al poetico viaggio di Dante Alighieri. Con questa esperienza musicale la Sezione Frenante torna sulla scena e si affaccia al pubblico internazionale.
La musica che la Sezione Frenante propone può essere assimilata al progressive rock, genere preferenziale nel qua- le sono cresciuti, indispensabile per descrivere l’immaginario creato da una musicalità fantastica ricca di sugge- stioni sonore sorrette da testi che guidano nel mondo del surreale. Il progetto si propone inoltre di sensibilizzare i giovani all’ascolto e alla diffusione del rock progressivo, espressione di un periodo storico particolarmente fervido e prolifico, anche promuovendo eventi culturali e lezioni concerto.

OSANNA
Gruppo storico del rock partenopeo nato dalle ceneri dei “Città Frontale”, ha esordito nel 1971 con “L’uomo”, album seminale per il rock italiano degli anni 70, seguito poi dal grande successo di Palepoli l’anno successivo. Le loro esibizioni erano sostenute anche da coreografie create attraverso la teatralità della tradizione mediterranea con richiami alla Commedia dell’arte. Gli Osanna furono pionieri nella fusione di elementi della musica classica, del rock e del jazz, speziati con il calore mediterraneo. Molti degli straordinari musicisti della band si sono distin- ti in varie formazioni napoletane, accompagnando spesso Pino Daniele in concerto. Oggi il gruppo, debitamente rinnovato, sta riscuotendo un lusinghiero successo a livello internazionale, esibendosi in prestigiosi festival e partecipando ai più noti programmi televisivi. Era la fine del 1970 quando al “Quick” (un localino undergound del Vomero, quartiere aristocratico di Napoli), ci fu l’incontro “fatale” tra il gruppo “Città Frontale” (la cui lineup era formata da: Lino Vairetti alla voce e chi- tarra acustica, Danilo Rustici alla chitarra elettrica, Massimo Guarino alla batteria, Lello Brandi al basso e Gian- ni Leone alle tastiere), e Elio D’Anna (flautista e sassofonista da poco uscito dagli Showmen), che era li per ascol- tare un loro concerto. Il gruppo, che aveva l’esigenza di prendere un nuovo elemento per sostituire Gianni Leone, che avrebbe trasferito di li a poco le sue aspirazioni musicali nel Balletto di Bronzo, fece la proposta ad Elio di far parte della propria formazione e lui, catturato dalla loro energia, dal sound e dal repertorio innovativo, decise di accettare. Iniziarono le prime prove e subito il nuovo sound, molto crudo, dinamico ed esplosivo, divenne così affascinante che in pochi mesi fece produrre al gruppo tanto materiale da poter realizzare almeno tre L.P.

Fu scelto un nuovo nome: Osanna, l’unico, tra tanti proposti, che incontrò i favori di tutti. Il primo concerto a febbraio del ‘71 in un locale di Napoli chiamato “Spry Pan”. Sui manifesti c’era scritto: Elio D’Anna + Città Frontale = Osanna. Successivamente il gruppo fece da supporter al concerto di Arthur Brown al Teatro Mediterraneo di Napoli. Dopo una prima esperienza discografica mai pubblicata (anteprima dei brani dell’ LP “L’Uo- mo”), con l’etichetta napoletana ABC di Bideri (famoso editore musicale e discografico napoletano), si aprirono nuovi orizzonti attraverso il manager Pino Tuccimei e l’artista e talent scout Renzo Arbore che ascoltati i loro concerti in vari raduni pop (tra i quali quello famoso alle Terme di Caracalla di Roma che fu un vero trampoli- no di lancio per il gruppo), li indirizzarono al I° festival d’Avanguardia e nuove tendenze di Viareggio, dove fu consacrato il loro successo quali vincitori, insieme alla Premiata Forneria Marconi e Mia Martini, con una per- formance di grande spettacolarità oltre che musicale. Le case discografiche intervenute colpite dalla loro musica e anche dal particolare look molto teatrale, ispirato dalla tradizione della commedia dell’arte, fecero a gara per contattarli e, dopo un ping- pong con la CGD, fu la Fonit Cetra a prenderli nella propria scuderia offrendo, grazie a Massimo Bernardi loro primo produttore, anche un contratto molto vantaggioso. Nel mese di giugno del ‘71 negli studi della Fonit di Milano, fu realizzato, ex novo, l’ L.P. L’Uomo che uscito nel giro di qualche mese decretò finalmente al gruppo quel successo meritato facendogli attribuire l’ambito “Premio della Critica Discografi- ca Italiana”. Da quel momento il gruppo fu catapultato in un vortice di attività con centinaia di concerti in giro per l’Italia e la presenza in numerose trasmissioni televisive sull’unico canale RAI e TeleCapodistria. Con la Fo- nit-Cetra seguirono poi altri tre LP: “Preludio,Tema, Variazioni e Canzona” (uscito nel ‘72 quale colonna sonora del film “Milano Calibro 9” con la collaborazione del maestro Luis E. Bacalov e la produzione di Sergio Bardot- ti); “Palepoli”, uscito nel ‘73 (considerato la “pietra miliare” della produzione Osanna), con il musical omonimo con mimi, danzatori e attori, portato con grande successo in tour nei più grandi teatri italiani, come prima e uni- ca opera rock; “Landscape of Life” nel ‘74 fu l’ultimoalbum di questa straordinaria e mitica formazione.

In quei 4 anni di attività il gruppo,attraverso migliaia di concerti, apparizioni televisive e tournee teatrali si era imposto comeuna delle più importanti band di rock progressivo internazionale. La stampa specializzata, siti web, libri ed enciclopedie sono ancora oggi attenti al repertorio proposto in quegli anni ’70, come alle collaborazioni e le session con numerosi artisti della scena rock e prog, al tour italiano con i Genesis nel ’72, alla condivisione di palchi con i VDGG, i Colosseum, i Gong fino alla esperienza di organizzatori dell’unico Festival napoletano il Be-In del 1973.
Gli Osanna si scioglievano nel ‘75. Dopo alcune esperienze discografiche vissute sempre per la Fonit Cetra, con formazioni parallele quali: “Città Frontale” (LP “El Tor”), con i soli Lino Vairetti e Massimo Guarino (con Enzo Avitabile al sax, Gianni Guarracino alla chitarra, Paolo Raffone al piano e Rino Zurzolo al basso), e “Uno” con Danilo Rustici e Elio D’Anna e il batterista Enzo Vallicelli, nel 1978 si ricostituivano gli Osanna con una nuova lineup che vedeva riuniti Lino, Danilo e Massimo e due nuovi elementi: Fabrizio d’Angelo alle tastiere ed Enzo Petrone al Basso, che sostituivano Elio d’Anna e Lello Brandi. Con questa formazione usciva, per la CBS, un nuovo L.P. “Suddance” registrato e mixato a Napoli negli studi Splash di Peppino Di Capri. Ancora una volta agli Osanna veniva attribuito il “Premio della Critica Discografica Italiana” e il premio quale miglior gruppo rock di “Annuario Discografico” del 1978. La nuova formazione ebbe breve vita per le varie difficoltà organizzative ed economiche. Lo spazio per la musica di qualità in Italia era sempre più stretto e gli Osanna, in attesa di un evento internazionale che non arrivava mai, alla fine del 1979 si fermarono ancora una volta. Danilo si trasferì a Boston, dove rimase stabilmente, mentre Lino ideò una nuova struttura di musica-teatro- danza pro- ducendo alcuni musical tra cui El-Tor e molti altri eventi musicali fino a oggi. Anche a distanza Lino e Danilo (unici autori e compositori di tutti i brani Osanna), tra le varie produzioni musicali parallele, continuavano ad alimentare il loro sodalizio artistico comunicando le loro idee e le loro emozioni via epistolare e successivamen- te via telematica. Sempre spinti dalla voglia di riprendere quel discorso artistico interrotto e sospeso, nel 1999 (a distanza di circa 20 anni da “Suddance” e alle soglie di un nuovo millennio), realizzarono il nuovo progetto Osanna. Oggi gli osanna riformati e sempre capitanati dal grande Lino Vairetti stanno riscuotendo un notevole successo di critica e pubblico, restando ancora oggi più che mai pionieri nella fusione di elementi della musica classica, del rock e del jazz, speziati con il calore mediterraneo. Molti degli straordinari musicisti e strumentisti della band si sono distinti in varie formazioni napoletane, accompagnando James Senese e Pino Daniele e onni- presenti in tantissime realtà musicali d’eccellenza napoletane.

19 luglio – ore 21.30 (ingresso € 5)
Orchestra I Pomeriggi Musicali
Direttore: Yusuke Kumehara Violino solista: Giuseppe Gibboni

Programma:
Mendelssohn, Le Ebrìdi, ouverture op. 26 Paganini, Concerto n. 1 per violino e orchestra in re maggiore Mendelssohn, Sinfonia n. 4 in la maggiore op. 90 “Italiana”

Nata nel 1945, l’orchestra milanese ‘I Pomeriggi Musicali’ è una delle più rinomate Istituzioni concertistico-or- chestrali italiane. Nel panorama musicale del dopoguerra i Pomeriggi hanno contribuito in modo decisivo alla diffusione della musica dei grandi del ‘900, promuovendo e commissionando al contempo nuove opere a giovani compositori, che diverranno i protagonisti della musica contemporanea italiana. L’orchestra dei Pomeriggi Musi- cali è stata il trampolino di lancio verso la celebrità di numerosi allora giovani artisti quali Claudio Abbado, Le- onard Bernstein, Rudolf Buchbinder, Pierre Boulez, Sergiu Celibidache, Riccardo Chailly, Carlo Maria Giulini, Zubin Mehta, Riccardo Muti, Salvatore Accardo, Arturo Benedetti Michelangeli, Nathan Milstein, Maurizio Pollini, fra gli altri.
Il programma ammaliante e coinvolgente della serata prevede l’esibizione nel concerto di Paganini del pirotecnico talento violinistico di Giuseppe Gibboni, enfant prodige salernitano del terzo millennio nato nel 2001 e cresciuto sotto la guida Salvatore Accardo. Affermatosi in prestigiosi concorsi nazionali e internazionali, una particolare curiosità suscita il nuovo record di velocità stabilito da Gibboni nel marzo 2015 nell’esecuzione de “Il Volo del Calabrone” di N. Rimskij-Korsakov, brano concluso in soli cinquanta secondi.
Il giovane direttore d’orchestra giapponese Yusuke Kumehara guiderà quindi l’orchestra dei Pomeriggi nell’esecu- zione della celeberrima sinfonia ‘Italiana’ di Felix Mendelssohn.

24 luglio – ore 21 (ingresso € 5)
PROWLERS IN CONCERT
I Prowlers sono una band tra progressive, rock e folk con oltre vent’anni di carriera alle spalle che introdurranno e, in certo senso, ‘intoneranno’ le atmosfere shakespeariane interpretate da Mino Manni e Marta Ossoli. L’ensem- ble propone un progressive dal sapore medievale/rinascimentale fatto di suggestioni acustiche e melodie arcane.

SERATA SHAKESPEARIANA
“…e se l’amore è cieco, la notte è il suo elemento…”
di e con MINO MANNI e MARTA OSSOLI
le più famose scene d’amore tratte da Romeo e Giulietta, Sogno di una notte di mezza estate, la Bisbetica doma- ta, Riccardo III, Amleto, Macbeth , Antonio e Cleopatra e Otello.
Le vette del teatro elisabettiano in una recita di alcuni brani dell’immortale bardo di Stratford On Avon. Tutti i suadenti profumi delle notti shakespeariane nella notte piacentina. Un reading teatrale di grande spessore “: “…e se l’amore è cieco, la notte è il suo elemento…”. Si tratta di una SERATA SHAKESPEARIANA di e con MINO MANNI e MARTA OSSOLI, che interpreteranno le più famose scene d’amore tratte da Romeo e Giulietta, Sogno di una notte di mezza estate, la Bisbetica domata, Riccardo III, Amleto, Macbeth, Antonio e Cleopatra e Otello. Mino Manni è un rinomato attore e regista nato e cresciuto a Piacenza, ma trapiantato a Milano da di- versi anni. Diplomato alla Bottega Teatrale di Vittorio Gassman, lavora con i più grandi registi e attori del teatro italiano fra i quali Giancarlo Cobelli, Glauco Mauri, Roberto Herlitzka, Piera Degli Esposti, Alessandro Preziosi, Franco Branciaroli, Paola Pitagora e Michele Placido. Nel 2010 fonda con Alberto Oliva la compagnia ‘I Demo- ni’. Marta Ossoli, dopo aver conseguito il diploma all’Accademia dei Filodrammatici di Milano, lavora col Tea- tro Colla, col Teatro Out-off diretta da Lorenza Loris, il CTB e il Teatro Carcano, col quale gira l’Italia nell’am- bito della produzione ‘La coscienza di Zeno’ al fianco di Giuseppe Pambieri e diretta da Maurizio Scaparro.

31 luglio – ore 21.00 (ingresso € 10)
VENEGONI & CO.
Venegoni & Co è un gruppo musicale rock/jazz fondato da Gigi Venegoni sulle ceneri degli Arti e Mestieri nel 1977, anno nel quale incidono il loro album per la Cramps di Gianni Sassi. Nelle prime formazioni della band militò come tastierista anche Ludovico Einaudi. Esce quest’anno il loro nuovo album, già accolto con entusiasmo dalla critica.

SAINT JUST
di Jenny Sorrenti ospite d onore
ALAN SORRENTI
Saint Just hanno una storia assai particolare, come particolare è il loro status nell’ambito del rock italiano d’au- tore. Il nome è ispirato al rivoluzionario francese Louis Antoine de Saint-Just, ghigliottinato a 27 anni. Capitana- ti da Jenny Sorrenti, incisero — cosa assai rara — due album per la mitica etichetta inglese Harvest, la stessa dei Pink Floyd. Musica sognante, antesignana di quel dream pop oggi assai di moda. Il gruppo nasce nel 1973 come trio, formato da Jane Sorrenti che non aveva ancora cambiato il nome in Jenny (voce), Toni Verde (chitarra, basso, voce) e Robert Fix (sax), incentrato sulla bellissima voce femminile di Jane, anche autrice dei testi. Il primo album Saint Just, al quale partecipa anche il fratello Alan Sorrenti, il percussionista Tony Esposito, Ma- rio D’Amora alle tastiere e Gianni Guarracino alla chitarra elettrica, è un interessante esperimento di rock pro- gressive con influenze classicheggianti e di musica popolare. L’anno successivo Robert Fix lascia il gruppo e si unisce a Tony Esposito; entrano Tito Rinesi (chitarra, voce), Andrea Faccenda (chitarra, tastiere) e Fulvio Maras (batteria, percussioni). L’album che ne deriva, al quale partecipa anche Vince Tempera come strumentista, è La casa del lago, secondo e ultimo LP del gruppo che subito dopo si scioglierà. Jenny Sorrenti ha ricostituito il gruppoche ha appena appena rilasciato un nuovo album che presen- teranno in anteprima in occasione del concerto piacentino. In questa occasione si esibirà come ospite d’onore an- che il fratello di Jenny, Alan Sorrenti, anch’egli da poco ritornato sulle scene dopo i clamorosi successi degli anni ’70.

 

2 agosto – ore 20.30 (ingresso € 10)

FLIDGE
I Flidge sono nati nel 2013 come un trio acustico formato da Elia Callegari (voce), Alessandro Landini (chitarra e seconda voce) e Francesco Marini(chitarra); con questa formazione hanno vinto il premio per la miglior voce ad un concorso per band emergenti presso Castiglione d’Adda. Nell’anno seguente si sono aggiunti Luca Maserati alla batteria e Juan Rinaldini al basso, cambiando il genere della band in un indie-alternative rock in elettrico.
Dal 2014 hanno suonato nella provincia di Piacenza partecipando a diversi festival, tra cui Tendenze, Orzorock, Cuncertass e ad alcune feste studentesche. Con la formazione ormai permanente hanno suonato al Campus Industry di Parma, sia nel 2015 che nel 2016 al motoraduno degli Hells Angel MC Cremona, vinto il concorso Ponterock e vinto il Contest rock in Trebbia 2016. Nel corso di settembre 2016 la band, precedentemente chia- mata Blue Freedom, ha cambiato nome in Flidge, per evidenziare il cambiamento di rotta e di passaggio da cover band di amici, ad un progetto più professionale, indirizzato alla produzione di brani inediti con la volontà di uscire dalla propria città natale. Nel 2017 hanno partecipato al Fiat Music tour, suonando al festival Collisioni a Barolo e al teatro Ariston di Sanremo. Il 15 gennaio 2018 è uscito il loro primo singolo “Sweeter”, con un video totalmente auto prodotto. In questo momento si stanno concentrando sulla la realizzazione di nuovi brani inediti che in seguito porterà alla produzione di un ep.

KU.dA
Nuova giovanissima band che dopo centinaia di concerti live, partecipazioni prestigiose (x Favtor tra le altre), e vittorie di contest nazionali ed internazionali fanno uscire il loro primo album. La musica è un incrocio tra Sting e Peter Gabriel, Porcupine tree e Muse. Un Sound moderno ma col fascino dell’antico, la ruvidezza del giovane col sentimento dell’anziano. Kudalesimo è un viaggio attraverso diverse dimensioni coesistenti. Puoi ritrovarti su un’ isola deserta ma allo stesso tempo provare il freddo della steppa Russa; potresti sentirti su un galeone insieme a una ciurma di pirati e renderti conto di stare navigando sul ghiaccio; in alto su una montagna ma contempo- raneamente in mezzo alla giungla, tra le scimmie e i serpenti, con i cavalieri portatori di luce. I Ku.dA cercano di evocare delle immagini e delle situazioni che, in forma iperbolica, esprimono i sentimenti della vita di tutti i giorni.

GIORGIO Fico PIAZZA(PBFMA)ND
Giorgio “Fico” Piazza è stato membro fondatore della PFM con la quale ha realizzato i primi album, quelli di “Impressioni di Settembre”, per intenderci: oggi riscuote un grande successo in tutti i festival internazionali ac- compagnato da una band di giovanissimi e talentuosi ragazzi, per riproporre i modo originale i brani che porta- rono il suo gruppo, la Premiata Forneria Marconi, al successo mondiale.
‘Fico’ Piazza suonò quindi in Storia di un minuto e Per un amico (dedicato a Claudio Rocchi) del 1972, e in Photos of Ghosts del ‘73, che in sostanza era una versione in inglese (traduzioni di Pete Sinfield) dei precedenti lavori, realizzato con l’obiettivo di sfondare anche sul mercato anglo-americano grazie alla etichetta di Greg Lake degli Emerson, Lake & Palmer, la Manticore, che lim lanciò all’estero.
Ma il basso di Giorgio non si limita ai primi due mitici album della PFM ma ha carettirzzato, col suo iconico stile percussivo, la maggior parte dei successi di Lucio Battisti, solo per citare un nome altrettanto mitico o alle altrettante leggendarie session con Ritchie Blackmore (Deep Purple). Con il progetto “Per Fare Musica”, che ha coinvolto una band di giovani musicisti, seguiti personalmente nel corso della loro crescita musicale, Fico Piazza riproporrà live gli indimenticabili brani dei primi due album della P.F.M.

29 agosto – ore 21 (ingresso € 10)
Annie Barbazza
with Marco Colombo and Irma Zanetti
Annie Barbazza, giovane musicista piacentina, ex-allieva del Nicolini, è una stella nascente del firmamento mu- sicale internaizonale. E’ stata chiamata al mitico Cafè Oto a Londra all’inizio dell’anno corrente, ha suonato e cantato dal vivo con personaggi del calibro di Robyn Hitchock, gli Area, Peter Hammill, Paul Roland, Eugenio Finardi e Greg Lake che la ha definita come “una delle più belle voci femminili che abbia mai sentito”., invitandola giovanissima per il celebre concerto al Teatro Municipale di Piacenza assieme a Aldo Tagliapietra delle Orme e Bernardo Lanzetti dell’Acqua Fragile e PFM, divenuto poi un album di successo. Annie quest’anno ha pubblicato un album per la Manticore Records, l’etichetta di Emerson Lake & Palmer che lanciò la Premiata Forneria Marconi e il Banco del Mutuo Soccorso nel mercato internazionale. Annie Barbazza si esibisce in uno spettacolo, Annie’s Playlist, concepito per lei da Greg Lake che vede al suo fianco il blasonato musicista Marco Colombo, dalla critica considerato uno dei migliori chitarristi italiani, da sempre al fianco di Gianna Nannini e altre star nazionali e internazionali e l’attrice e scrittrice Irma Zanetti che intrdurrà alcuni brani.

ALDO TAGLIAPIETRA (le ORME)
Aldo Tagliapietra, storica voce e frontman delle Orme, ha rappresentato la punta di diamante del rock d’autore italiano. Del gruppo veneziano, infatti, Aldo è stato il principale compositore sapendo unire il linguaggio del rock internazionale, e anglosassone in particolare, alla melodia italiana. Sue sono le ballad più ammalianti e ama- te degli ultimi decenni quali “Gioco di Bimba” e “Felona”.

Aldo nasce a Murano, figlio di un maestro vetraio. A venti anni, nel 1965 acquisisce la licenza in teoria e solfeg- gio al conservatorio Cesare Pollini di Padova. Inizia l’attività artistica vera e propria nel 1966 formando il gruppo Le Orme. Questi ultimi, inizialmente protesi verso il Beat, si indirizzeranno agli inizi dei ‘70 verso il Rock progressivo, fornendo un contributo rilevante al genere, non solo a livello nazionale, ma addirittura mondiale (il loro concept Felona e Sorona è inserito, al posto 68, tra i primi 100 album di rock progressivo di sempre nella classifi- ca stesa dal sito www.progarchives.com).

Nel 1984, in un momento di pausa dell’attività delle Orme, Aldo intraprende per la prima volta la strada da solista e realizza l’album …nella notte, in cui compie un lavoro di recupero delle radici del rock. La sua attività musicale personale, sempre caratterizzata dalla ricerca, continua anche in seguito parallela a quella del gruppo. Quando nel 1994 incontra Budhaditya Mukherje e inizia a studiare il Sitar, affascinante strumento indiano e sua antica passione, si delinea per lui una nuova e importante fase artistica. Le lezioni si svolgono tra Venezia, Londra, Francoforte e Calcutta. Su questo strumento Aldo scrive anche un Metodo non ancora pubblicato (Manuale di musica indiana e Sitar). Nel 1998 dopo l’ultimo viaggio in India, vuole esprimere il significato di quell’espe- rienza, in cui la sua formazione occidentale si era incontrata con la filosofia e la musica indiana, e compone Il viaggio, dove impiega per la prima volta il Sitar come strumento principale. Nel maggio 2008, dieci anni dopo, esce il cofanetto dallo stesso titolo che contiene il cd e un libro, un’autobiografia in cui il viaggio in India diventa una metafora della vita e Aldo racconta la sua, vissuta attraverso gli anni del Beat, del Rock, tra le sperimentazio- ni musicali, fino ai Raga indiani.
L’importante tournee delle Orme in Canada alla fine del 2009 è l’ultima con Aldo Tagliapietra. Da quel mo- mento in poi gli altri componenti della band andranno avanti senza di lui e continueranno ad usare il nome Le Orme. Aldo perciò riprende la sua attività come solista e comincia a scrivere un album di inediti, fino al settem- bre del 2010 quando riallaccia i rapporti con Toni Pagliuca, ricostituendo il binomio degli autori rimasti nella storia delle Orme, e insieme a Tolo Marton, i tre partecipano a un importante Festival svoltosi a Roma per il qua- rantennale della musica progressiva in Italia, con Carlo Bonazza alla batteria. Ma il tour che li vede ancora una volta insieme sul palco per un grande evento di musica delle Orme si interrompe a causa delle conseguenze delle vicende giudiziarie sull’uso del nome del gruppo. Insieme regalano solo altro quattro memorabili concerti definiti l’evento Prog dell’anno con Manuel Smaniotto alla batteria. A maggio 2011 esce Unplugged, un doppio cd che contiene i successi della sua carriera, registrato dal vivo in stu- dio. E’ la prima volta che vengono racchiusi in una raccolta brani delle Orme e alcuni tratti dagli album solisti, riarrangiati in chiave semi-acustica.Nella pietra e nel vento, il suo primo disco di canzoni inedite scritto dopo l‘uscita dalle Orme, esce a gennaio 2012 e si inserisce nella tradizione della sua tipica vena melodica di cantautore prog. A febbraio accompagna a San Remo Adriano Celentano che lo ha chiamato, come precedentemente avevano fatto anche i Pooh, a suonare per lui il Sitar. Trovati nuovi stimoli, nuove sensazioni e soprattutto una rifiorita vena artistica, nel corso del 2012 compone anche un concept inedito dal titolo L’Angelo Rinchiuso, scritto in occasione del 40° anniversario dell’al- bum più famoso delle Orme divenuto un capolavoro della storia del prog italiano Felona Sorona del 1973. Que- sto suo ultimo lavoro, una suite prog è uscito in tutti i negozi il 10 settembre 2013.
Da qualche anno è impegnato nei concerti celebrativi della sua carriera, con tanti indimenticabili successi e ospi- ti, ma non ha nel frattempo trascurato la scrittura. E’ ultimata anche la lavorazione del nuovo disco, Invisibili realtà, da poco uscito e che ha riscosso un successo unanime di critica
La voce in falsetto dell’artista darà al gruppo uno dei suoi maggiori elementi di continuità e di riconoscimento.. Proprio a Piacenza per il suo immenso contributo al rock progressivo italiano come autore e performer è stato in- vitato sul palco del Municipale da Greg Lake assieme alla giovanissima Annie Barbazza e Bernardo Lanzetti,

4 settembre – ore 21.30 (ingresso € 10)
KERYGMATIC PROJECT
I Kerygmatic Project nascono nel 1998 con la finalità di comporre brani originali che recuperassero nello stile e nella realizzazione la grande tradizione del progressive rock britannico degli anni settanta e ottanta, tradizione rinnovata secondo una nuova chiave di lettura in grado di abbracciare anche differenti stili, tanto da costituire un sound originale e ben riconoscibile.
Le composizioni dei Kerygmatic Project risentono, infatti, dei vari contributi ricavati dal rock, dal pop, dal jazz, dalla fusion e dalla musica classica, proponendo composizioni che, di fatto, difficilmente potrebbero essere ca- tegorizzate in un genere ben preciso e che sono il frutto di una ben definita filosofia. Secondo una definizione che sembra appropriata, i Kerygmatic Project possono essere considerati come l’espressione più fresca del prog & pop, termine coniato dal gruppo, in quanto sono tra i pochi ad aver posto in una coesione non stucchevole, ma ben equilibrata, ciò che di gradevole e non banale deriva della musica pop con l’art-rock derivato dalla tradizione del progressive. La scelta di organizzarsi in trio, dando molta parte alle tastiere, non è solo un elemento che può ricordare gli Emerson, Lake & Palmer, ma anche l’espressione più tipica di chi vuol fare con l’essenziale qualcosa che lo trascenda. Alcuni fra gli estimatori del gruppo, lo definiscono un trio alla Emerson, Lake & Palmer, con sonorità e carattere alla Genesis dell’epoca Collins, ma con un’originalità tutta propria.
I Kerygmatic Project, pur non ignorando la grande tradizione italiana della P.F.M., del Banco del Mutuo Soc- corso o delle Orme, solo per citare qualche esempio significativo, preferiscono utilizzare la lingua inglese. L’inter- nazionalità e la musicalità di questa lingua, fanno dell’inglese l’idioma prescelto per le composizioni che si inca- nalano in una tradizione che, inizialmente, come si è già detto, ha le sue origini proprio in Inghilterra tra la fine degli anni ’60 e gli inizi degli anni ’70.

Gianni Belleno & Nico Di Palo of
NEW TROLLS
Davvero non ha bisogno di presentazioni un nome come quello dei New Trolls. Cinquant’anni di storia sono passati, dalla brillante apertura dei concerti italiani dei Rolling Stons e dei Led Zeppelin, che hanno consacrato la stella dei New Trolls nel firmamento delle Band d’importanza minternazionale, da allora non si sono più fer- mati, stregando con la tecnica, le vocalità polifoniche e con le innovative partiture, le platee di tutto il mondo. Milioni di “note”, scritte, interpretate e rimaste impresse nella storia musicale italiana, dai più grandi successi del- la band genovese, nata nel 1966: – 67” il primo singolo “Sensazioni” – 68” “Senza orario Senza bandiera” il primo Concept Album – 69” “Una miniera”, “Visioni” – 71” “Concerto Grosso per i New Trolls” – 72“ “Searching for
a land” – 79” “Quella Carezza della Sera”, “Aldebaran” e tante altre a testimonianza delle loro profonde e ben ra- dicate affinità con la musica. Dense atmosfere, testi e liriche importanti, sono i punti di partenza, per proseguire una organizzazione complessiva perfettamente coerente, fatta di alternanze di voci e di movimenti, rapidi e lenti, di contrasti dinamici e ritmici, come firma di uno stile musicale.

Il nuovo progetto prende il nome di : << Of NEW TROLLS >> L’impegno reso possibile grazie alla fiducia dei fans, che da sempre hanno seguito le esibizioni dei due artisti, oggi hanno l’occasione di rivedere, finalmente sul- lo stesso palco, Nico e Gianni, eseguire i brani storici, dalle sonorità pop e del rock progressivo tricolore. Nico Di Palo e Gianni Belleno, saranno accompagnati da una Band ultracompatta di musicisti di alto spessore: Claudio Cinquegrana, chitarra e cori; Stefano Genti, tastiera e voce; Umberto Dadà, voce; Claudio Tarantola, tastiere e cori; Nando Corradini, basso e cori. -Solo le note più belle costruiscono le emozioni

 

10 Settembre – ore 21.15 (ingresso € 10)
Piacenza, l’incanto nascosto … Viaggio fra musica e arte fra le meraviglie di Piacenza

di PHILIPPE DAVERIO
Con LAMBERTO CURTONI (violoncello)

Il rinomato critico d’arte Philippe Daverio ci conduce attraverso un viaggio tra gli incanti artistici e storici di Piacenza, accompagna¬to dall’ammaliante violoncello di Lamberto Curtoni. Uno spettacolo per tutti che parla di tutti noi.Philippe Daverio è uno storico e critico dell’arte, docente, scrittore, conduttore televisivo di sconfinata cultura. Ci accompagnerà dentro la storia e i monumenti noti e meno noti di Piacenza, incastonando il suo rac- conto fra le note del violoncello. Lamberto Curtoni è nato a Piacenza nel 1987 da una famiglia di musicisti. È uno dei migliori violoncellisti e compositori della sua generazione. Fra i maggiori interpreti e committenti della sua musica vi sono: Franco Bat- tiate, Yuri Bashmet e i Solisti di Mosca, Gidon Kremer e Kremerata Bal¬tica, Julius Berger, e prestigiosi ensem- ble tra i quali: Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, Orchestra Filarmonica Toscanini di Parma, Orchestra dei Pomeriggi Musicali, Orchestra di Padova e del Veneto e Ensemble cameristico dell’Orchestra RAI.

12 settembre – ore 21 (ingresso € 10)
Giuvazza
Giuvazza è il nome d’arte di Giovanni Maggiore. Torinese, sebbene giovanissimo dopo diverse esperienze rock locali diventa il chitar¬rista di Eugenio Finardi. E’ appena uscito il suo primo disco solista, accompagnato dalla band storica di Eugenio, che presenterà in questa occasione.

EUGENIO FINARDI
Eugenio Finardi , classe 1952, è il maggiore esponente di quella che viene chiamata la “scuola milanese”. Profon- do Cantautore, figlio di una can¬tante d’opera americana, è un vero rocker che ama Pergolesi e la musica classica. Dopo l’incisione di un disco di canzoni per bambini all’età di nove anni (contenente la canzone Palloncino rosso fuoco), inizia la carriera negli anni settanta come musicista rock, in gruppi quali Tiger e Il Pacco con il giovane chitarrista italo-brasiliano Alberto Camerini. Inizia poi a scrivere canzoni con testi in inglese, e nel 1973 la Nu- mero Uno (casa discografica di proprietà di Mogol e Lucio Battisti) pubblica il suo primo 45 giri, con Spacey stacey e Hard rock honey, brani con sonorità vicine all’hard rock, cantati in inglese[1], di cui Finardi scrive le musiche (i testi sono della cantautrice californiana Marva Jan Marrow).
Decide quindi di passare all’italiano, con testi diretti ed impegnati, e viene messo sotto contratto dalla Cramps di Gianni Sassi, Sergio Albergoni e Franco Mamone, che pubblica il suo primo album nel 1975: si intitola Non gettate alcun oggetto dai finestrini e contiene anche una cover rock della canzone folk Saluteremo il signor pa- drone. Il successo arriva l’anno dopo con Sugo che porta in sé due delle sue canzoni più famose, La radio e Mu- sica ribelle. Segue l’album Diesel del 1977 considerato tra i suoi migliori, che contiene altri brani divenuti famosi come Non è nel cuore, Diesel e Non Diventare Grande Mai. In questi anni la Cramps dedica, per la registrazione degli album di Finardi, i suoi musicisti migliori, come Patrizio Fariselli, Ares Tavolazzi e Paolo Tofani, membri degli Area.
Dalla collaborazione con il gruppo Crisalide, che vede tra i componenti Mauro Spina alla batteria, Ernesto Vitolo alle tastiere e Stefano Cerri (figlio del già famoso chitarrista jazz Franco Cerri) al basso elettrico nasce l’album Blitz del 1978, che contiene tra gli altri i brani Extraterrestre e Cuba, nei testi si nota marcatamente il disagio do- vuto al riflusso culturale nell’Italia di quegli anni.
Sempre con i Crisalide viene pubblicato Roccando rollando del 1979, che si allontana dalle sonorità rock dei dischi precedenti, accostandosi anche al reggae in Legalizzatela, al calypso in 15 Bambini (con cui partecipa al Festivalbar 1979) e alla ballad acustica in La canzone dell’acqua. Nel 1981 esce l’album omonimo Finardi dove in alcune canzoni collabora con l’autore dei testi dei Pooh Valerio Negrini. In quest’album domina la canzone Trappole, di cui scriverà anche la versione in inglese. Scrive Laura degli specchi per Alice. Dopo un disco in lingua inglese Secret Streets, dove rivisita anche alcuni brani del disco precedente, nel 1983 è la volta di Dal blu che contiene Le ragazze di Osaka e Amore diverso. L’album è dedicato alla figlia Elettra, nata con la Sindrome di
Down. Finardi ha scritto la prefazione al libro Come Pinguini nel Deserto che raccoglie l’esperienze di genitori di bambini down.
Seguono Vorrei svegliarti col quale debutta al Sanremo 1985, preludio dell’album Colpi di fulmine, album che si apre verso registri più sincopati e di matrice jazz. Dolce Italia è del 1987, mentre nel 1989 il cantautore pubblica Il vento di Elora con la celebre Vil Coyote dove traccia in modo originale similitudini tra la vita reale e i perso- naggi dei cartoni animati. Nel 1990 con La forza dell’amore rilegge in chiave moderna alcune sue canzoni, con la partecipazione di Ligabue, Ivano Fossati (in Musica ribelle) e Rossana Casale (ne Le ragazze di Osaka). Dopo Millennio del 1991 esce Acustica con il brano Katia (1993) e Le donne di Atene (traduzione firmata insieme ad Alberto Camerini della celebre canzone di Chico Buarque de Hollanda Mulheres De Atenas). Nel 1996 incide Uno di noi, versione italiana del successo di Joan Osborne One of Us; la canzone, ricalcando il testo originale af- fronta temi legati alla fede in Dio.
Finardi comincia a dare segni di insofferenza rispetto all’industria discografica che coincide con Amami Lara (sua seconda presenza al Sanremo 1999), mentre Accadueo è l’album del 1998, che l’anno dopo viene ripubbli- cato con l’aggiunta del brano citato, ispirato al personaggio immaginario di Lara Croft, protagonista dei vide- ogiochi della serie Tomb Raider. Dopo aver adempiuto a questi obblighi contrattuali torna a fare riferimento all’ambiente della musica alternativa e nel nuovo millennio si è dedicato a vari progetti di nicchia. Con Francesco Di Giacomo, cantante del Banco del Mutuo Soccorso, e Marco Poeta dedica un disco al Fado, la musica porto- ghese. Il silenzio e lo spirito è del 2003 ed è un album d’indubbio fascino, registrato dal vivo, nel quale esplora il

rapporto tra la Musica e l’Assoluto con brani come Orleans di David Crosby Hallelujah di Leonard Cohen e Il ritorno di Giuseppe di Fabrizio De André.
Il 2005 è l’anno di Anima Blues in cui Finardi celebra il suo amore per questo genere, un album di inediti in in- glese che riceve consensi dalla critica e positive recensioni su riviste internazionali di settore. Anima Blues, copro- dotto dal chitarrista Massimo Martellotta, vede Pippo Guarnera all’Hammond e Vince Vallicelli alla batteria di- venta una fortunata tournée con più di cento concerti. Nel 2007 esce nei negozi la raccolta antologica Un uomo che ripercorre i diversi momenti della carriera finardiana: i primi tre cd offrono una serie di canzoni, presentate in ordine emotivo e non cronologico, scelte direttamente dall’autore, mentre il quarto è una compilation di ine- diti, provini e rarità. Le note di copertina sono curate da Fernanda Pivano. Il 2008 è l’anno del debutto teatrale di Finardi. Al Teatro dei Filodrammatici di Milano va in scena la prima di Suono prodotto da Francesco Venuto per l’agenzia Raiser da cui viene estratto l’omonimo DVD prodotto da Gianni Salvioni, spettacolo in cui l’artista racconta attraverso monologhi e canzoni oltre trent’anni di carriera.
La band che lo accompagna in questo progetto è costituita da: Max Carletti (chitarre), Paolo Gambino (piano- forte e tastiere), Federico Ariano (batteria e percussioni) e Stefano Profeta (basso elettrico e contrabbasso). Nello stesso anno Finardi si cimenta con la Classica Contemporanea ne Il cantante al microfono, disco e concerto per voce e sestetto classico. Assieme all’ensemble Sentieri selvaggi, diretto da Carlo Boccadoro, Finardi esegue le can- zoni del poeta russo Vladimir Vysockij orchestrate dal compositore Filippo Del Corno e tradotte da Sergio Se- condiano Sacchi. L’album vince la Targa Tenco, per la migliore interpretazione. Con l’ensamble Entr’Acte diretto da Carlo Boccadoro registra La Storia Del Piccolo Sarto del compositore ungherese Tibor Harsany, liberamente tratta dalla favola dei fratelli Grimm con la quale debutta con successo al Teatro alla Scala di Milano il 27 gen- naio del 2010. Sempre con Entr’Act e Boccadoro torna nel prestigioso teatro l’anno seguente con I Cavoli a Me- renda su musiche dello stesso Boccadoro e testi di Sergio Tofano.
Nell’aprile 2009 ha partecipato all’incisione del brano Domani 21/04.2009 di Mauro Pagani, i cui proventi saranno devoluti alle popolazioni colpite dal terremoto dell’Aquila. Nel 2009 ha cantato nell’ultimo album di Claudio Baglioni Q.P.G.A., nella canzone Lungo il viaggio, che è il titolo originale della canzone più nota con il titolo In viaggio. Nel marzo 2010 produce l’album L’occhio della Luna della giovane cantautrice Roberta Di Lo- renzo da lui scoperta a un’audizione nell’ottobre 2007. A inizio 2011 Il cantante al microfono, diventa un DVD distribuito da Medusa ed edito dalla casa discografica Ermitage. Il 21 gennaio esce il primo libro scritto da Euge- nio Finardi a quattro mani con Antonio G. D’Errico: Spostare l’orizzonte – come sopravvivere a 40 anni di Rock, edito Rizzoli, in cui Finardi espone la sua filosofia di vita.
Il 28 gennaio inizia Eugenio Finardi Electric Tour 2011, tour che segna il suo ritorno al rock delle origini, ripro- ponendo brani degli esordi tratti da album come Sugo, Diesel, Finardi e Non gettate alcun oggetto dai finestrini. Ad accompagnarlo una nuova band formata da Marco Lamagna al basso, Claudio Arfinengo alla batteria, Paolo Gambino alle tastiere, Paolo Zanetti e Giovanni Maggiore alle chitarre; in seguito si aggiunge Claudio Rossi al violino e ai plettri. Partecipa al 62ª edizione del Festival di Sanremo con il brano E tu lo chiami Dio[2] canzone che porta la firma della cantautrice Roberta Di Lorenzo, arrivando in finale. Memorabili i duetti con Noa e i Solis e con Peppe Servillo degli Avion Travel. Nei giorni del Festival esce Sessanta, triplo album con 5 inediti, tra cui spiccano Passerà, con testo di Zibba e Nuovo Umanesimo scritta insieme a Max Casacci dei Subsonica con il quale inizia una collaborazione che proseguirà nel 2013. Nuovo Umanesimo vede Finardi tornare alle sonorità e alle tematiche degli esordi e dà il nome al tour che lo vede impegnato fino all’autunno.
Il 1º maggio viene invitato ad aprire il concertone di Roma con l’inno di Mameli in versione taranta/rock, men- tre a settembre, al Traffic Festival di Torino e al Palasharp di Milano, parteciperà a un omaggio alla Cramps records, l’etichetta per cui aveva debuttato oltre trent’anni prima. Nella stessa sera, oltre a Finardi, si esibiscono Claudio Rocchi e i riuniti Area (che avevano suonato negli album Sugo e Diesel del cantautore milanese). Oltre al suo set consueto, Finardi ripropone – dopo 30 anni – Diesel, eseguito dalla band di Finardi con Patrizio Fari- selli alle tastiere, e sarà ospite del finale del set degli Area, con cui esegue il loro classico Gioia e rivoluzione. Al Concertone del 1º maggio 2012 Mauro Pagani lo invita a interpretare Like a Rolling Stone di Bob Dylan. Nella primavera 2013 Elio e le Storie Tese lo chiamano a cantare A Piazza San Giovanni, canzone scritta da loro nel suo tipico stile, che fa da prologo al singolo Il Complesso Del Primo Maggio tratto dal loro CD Album biango. A gennaio 2014 viene pubblicato il suo nuovo album, prodotto da Max Casacci e registrato a Torino, Fibrillan- te[3].Le sue canzoni, da “Musica Ribelle” a “Extraterre¬stre” sono entrate nel novero delle più belle canzoni ita- liane di sempre. Intrattenitore affabile e gentile, Eugenio ripercorre in questo spettacolo le tappe più significative di 40 anni di carriera.

SOGGETTI PROMOTORI

Associazione Artemusica
Nata nel 2009, svolge prevalentemente la propria attività in ambito culturale e nella gestione di spettacoli dal vivo, ha costituito un nuovo modo di pensare e insegnare la musica, privilegiando l’aspetto collettivo della disciplina. Parallelamente a ciò ha organizza- to e partecipato a diversi eventi musicali e concerti classici, pop, rock e gospel in Italia e all’estero, offrendo spettacoli dal vivo di grande impatto. Artemusica è stata premiata nelle seguenti discipline artistiche: canto lirico e moderno, pianoforte, chitarra, bas- so, batteria, flauto, violino, violoncello, saxofono, disegno e tecniche pittoriche e danza hip hop. Nel 2018 ha partecipato a Concorsi musicali nazionali quali Videofestival Live e Concorso Nazionale di Pesaro “Giovani in crescendo” nel quale ha ottenuto il 1° Premio nella Cat. Junior con la Artemusica Junior Band.
Associazione Novecento
Nata nel 2012, ha portato a Piacenza e in Italia eccellenze nella musica contemporanea. Il presidente, Camillo Mozzoni, docente di oboe al Conservatorio Nicolini, è stato primo oboe della Orchestra della Scala. Assieme al critico musicale e giornalista Max Marchini è l’organizzatore della rassegna “Musiche Nuove a Piacenza” che ha portato, e porta, inedite esperienze di livello in- ternazionale nella nostra Città recensite in articoli apparsi sulla stampa mondiale. In questo ambito sono stati prodotti album dal vivo come “Greg Lake live in Piacenza” e tanti altri, tra i quali ricordiamo l’acclamato “Piacenza” di John Greaves, che vede addirittura un dipinto della Ricci-Oddi in copertina. Giunta al sesto anno di vita “Musiche Nuove a Piacenza” ha ospitato artisti del calibro di Daniel Lanois e Greg Lake, Paul Roland e Robyn Hitchock, Area, ma anche la musica indiana classica dei Veda, musiche contemporanee ecc. Proprio lo spirito che ha animato la rassegna si riversa, con completezza, nella declinazione più popolare ma di eguale statura artistica di questa proposta. Dallo scorso anno si occupa anche, con successo, del festival “Irlanda in Musica” a Bobbio. L’associazione Novecento, grazie alla eco di Musiche NUOVE A PIACENZA è stata invitata a collaborare al prestigioso Festival di Musica Contemporanea di Nantes e a Bruxelles nonché al Cafe Oto di Londra, epicentro delle nuove tendenze musicali europee.

Associazione Musica e Cultura
L’associazione Musica e Cultura nasce nel novembre 2016 dalla pluriennale esperienza nel settore del suo fondatore, Fabio Tor- rembini, il quale collabora per oltre 20 anni con le maggiori istituzioni sinfoniche e cameristiche italiane (Fondazione Toscanini di Parma, orchestra sinfonica della RAI di Milano, Solisti Veneti etc…) sotto la guida di prestigiosi direttori quali VLADI- MIR DELMAN, RICCARDO CHAILLY, DANIELE GATTI, ROMANO GANDOLFI, GUNTER NEHUOLD, HUBERT SOLJDANT fra gli altri. Ha effettuato numerose incisioni discografiche e concerti con cantanti del calibro di Luciano Pavarotti, Mariella Devia, Michele Pertusi, Cesare Siepi, Giuseppe Giacomini, Leo Nucci, Rajna Kabaivanska, Renato Bruson, Luciana Ser- ra; ha accompagnato solisti del calibro di Mario Brunelle, Alexis Weissemberg, Aldo Ciccolini etc… Nel 2015 ha debuttato come regista al Festival di Orvieto guidando Eleonora Brigliadori e Gerardo Placido nell’Interrogatorio a Maria di Giovanni Testori e Valerio Massimo Manfredi nel reading teatrale tratto dal suo ‘II Mio Nome è nessuno›. Dal 2004 al 2016 ha svolto attività di produzione musicale presso importanti società emiliane. Dal 2016 è alla guida dell›associazione Musica e Cultura, attraverso la quale ha prodotto a tutt›oggi circa 50 concerti cameristici e orchestrali. L’associazione ha altresì effettuato a Parma e Salsomaggio- re 5 importanti eventi benefici in collaborazione e con il sostegno della Fondazione Chiesi Farmaceutici. Musica e Cultura è attiva quindi anche nell’ambito delle produzioni liriche: nel 2017 ha prodotto al Teatro Giordano di Foggia l’Andrea Chenier di Um- berto Giordano (scene del Teatro Verdi di Salerno e costumi di Arte scenica) ed esportato in Corea l’allestimento di Cavalleria e Pagliacci (scene del Teatro Massimo Bellini di CT e costumi di Arte scenica) sulla scorta di una rapporto di collaborazione ormai quinquennale. L’associazione si occupa altresì di arti figurative e ha tuttora in corso l’importante mostra ‘Andy Wahrol Superstar’ a Casa dei Carraresi (Treviso). Alla fine del corrente anno a Venezia ha in programma una mostra sul ‘De Chirico barocco’ in collaborazione con la Fondazione De Chirico.

Si ringraziano per la collaborazione
Ma.Ra.Cash Records, Elfo Studio, Unifaun Productions, Dark Companion Rec

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank