Treni, salva la biglietteria di Fiorenzuola: “Grazie alla collaborazione di tutte le forze politiche”

“Salvare la biglietteria della stazione ferroviaria di Fiorenzuola d’Arda. Obiettivo centrato grazie al lavoro congiunto di tutte le forze politiche piacentine senza distinzione di colore e di appartenenza politica”. Queste le parole del Sindaco di Fiorenzuola Gandolfi orgoglioso di aver portato a termine, dopo quasi un anno di incontri, la difficile battaglia per evitare la chiusura della biglietteria della stazione ferroviaria locale prospettata da Trenitalia.

“Dal momento in cui siamo venuti a conoscenza di questa situazione, risolvere il problema è stata una delle priorità della Giunta e del Consiglio Comunale , alleati per l’occasione. Per questo mi sono impegnato fin da subito, in prima persona, con numerosi incontri a Bologna con i vertici Rfi e Trenitalia, senza però giungere a conclusioni positive”.

Così spiega il primo cittadino di Fiorenzuola l’iter sofferto sostenuto prima che giungesse la notizia positiva di questi giorni, ovvero che la stazione del capoluogo valdardese continuerà ad avere la sua biglietteria.

Per arrivare a questo importante traguardo lo stesso Sindaco si è appellato al Presidente regionale Bonaccini e ai consiglieri regionali piacentini per evitare la chiusura del servizio.

Afferma Gandolfi “Chiudere la biglietteria sarebbe stato un enorme disagio per la popolazione di Fiorenzuola e della Val d’Arda . La stazione serve un gran numero di pendolari, studenti e non solo. La nostra è una città che dispone di una struttura ospedaliera in ampliamento con vocazione di specializzazione e sviluppo interprovinciali, che non può permettersi di rinunciare a questo supporto fondamentale”.

Grazie all’impegno messo in atto da Gandolfi, coadiuvato da tutti i consiglieri regionali piacentini e con il sostegno unanime dell’intera Assemblea Legislativa , in favore della stazione della val d’Arda anche la stazione di Lugo di Ravenna tornerà a compiere il proprio servizio.