Ancora una truffa al bancomat, cede oltre mille euro ai malviventi invece di ricevere i soldi

I carabinieri della Stazione di San Nicolò a Trebbia hanno denunciato due pregiudicati di 51 e 47 anni, residenti in provincia di Bergamo per truffa in concorso. La vittima è un’impiegata di 55 anni di Rottofreno. Il figlio di quest’ultima su un sito di e-commerce nel maggio del 2021 aveva messo in vendita la sua autovettura. Lo stesso giorno veniva contattata da un malvivente che ha manifestato il suo interesse all’acquisto, e dopo aver concordato il prezzo, riferiva alla vittima di voler concludere subito l’acquisto e che per l’immediato pagamento avrebbe utilizzato una procedura tramite postazione bancomat.

In tal modo, il truffatore ha convinto l’impiegata a recarsi presso uno sportello bancomat di Piacenza per ricevere il pagamento. In realtà al termine delle operazioni effettuate con contestuali indicazioni ricevute, l’impiegata 55enne si è resa conto di non essere stata il beneficiario dell’operazioni, ma di aver accreditato complessivamente 1.140 euro su due carte poste-Pay. Si è rivolto perciò ai carabinieri della Stazione di San Nicolò a Trebbia per denunciare l’accaduto. Dopo alcuni approfonditi accertamenti i carabinieri sono riusciti a risalire all’identità dei due malviventi. Si tratta di disoccupato di 51 anni e una donna di 47 anni, residenti in provincia di Bergamo, entrambi pregiudicati per analoghi episodi, che sono stai denunciati per truffa in concorso.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

App Galley