Vendita diretta in agricoltura, rivoluzione firmata da Murelli e Pisani (Lega)

Legittima difesa

Le aziende agricole potranno vendere, in forma non prevalente rispetto alla loro produzione, i prodotti di altre imprese di categorie agronomiche diverse dalle loro. Il provvedimento è stato voluto anche dai parlamentari piacentini della Lega, la deputata Elena Murelli e il senatore Pietro Pisani (quest’ultimo è tra i firmatari dell’emendamento al Senato).

Il ministero delle Politiche agricole introduce, così, una novità assoluta nel comparto agroalimentare. Le aziende che vendono direttamente potranno commercializzare anche i prodotti di altri imprenditori agricoli. «Si genera così un circolo virtuoso – affermano Murelli e Pisani – che mette in rete le realtà italiane del settore, distribuite sul territorio e spesso isolate nella produzione come nella vendita dei prodotti».

Si avrà una distribuzione incrociata delle produzioni tra le aziende agricole. «Un fattore che farà aumentare il reddito e l’occupazione, e che farà diminuire i costi dei prodotti a favore dei consumatori. Una manovra che sarà di aiuto alla crescita dei consumi interni» commentano Murelli e Pisani.

Si tratta di una modifica, introdotta al Senato, alla disciplina della vendita diretta in base alla quale gli imprenditori agricoli possono vendere non solo i loro prodotti, ma anche quelli acquistati direttamente da altri imprenditori agricoli. Questi prodotti non devono appartenere alla stessa categoria merceologica dei prodotti propri e la vendita non deve essere prevalente rispetto a quella delle proprie produzioni.