#Amala, la campagna social di Terziario Donna. “Facciamo diventare virale un messaggio d’amore per tutte le donne” – AUDIO

Semplicemente, #amala. Incentrata su quest’unica parola la campagna di sensibilizzazione al rispetto della donna, ideata dal Gruppo Terziario Donna Confcommercio Piacenza che dal 22 novembre si dipanerà sugli innumerevoli canali di comunicazione del mondo dei social media.

blank

La presidente Nadia Bragalini, “ambassador” piacentina presso Le Città delle Donne (progetto a carattere nazionale ideato dagli Stati Generali delle Donne per porre il talento femminile al servizio delle comunità) , spiega che si è volutamente optato per un messaggio diretto e conciso, graficamente abbinato a un’immagine femminile.

“Un messaggio – commenta Nadia Bragalini – che pone l’interlocutore di fronte a un’unica azione possibile: quella di garantire a ogni donna, qualunque legame ella rappresenti per lui, solo la parte migliore di se stesso. Quella che si manifesta con l’affetto, con l’amore e con il rispetto. Non ci sono e non devono esserci alternative. È ora di abbattere una volta per tutte quei vecchi pregiudizi che giustificano, nel rapporto con la donna, atteggiamenti tossici e comportamenti malati che nulla hanno a che fare con questi sentimenti”.

Un cambiamento culturale, quindi, ancora prima che sociale: “Personalmente ritengo incredibile che nel 2021 si debbano ancora organizzare e promuovere campagne di socializzazione sulla parità dei diritti e delle opportunità – rimarca Nadia Bragalini – ma se siamo costrette a farle è perché resistono ancora, in molti strati della società, pregiudizi e chiusure che tutte le norme e le leggi emanate in questi anni per garantire la giusta uguaglianza non sono riusciti a cancellare. C’è ancora tanto da lavorare sulla cultura, evidentemente, e questa campagna social vuole rappresentare un passo in questa direzione”.

“A malincuore, ma devo anche io confermare quanto sottolineato da Nadia. – commenta Raffaele Chiappa, presidente di Confcommercio Piacenza – Come associazione di categoria, in collaborazione con Terziario Donna, abbiamo promosso corsi di formazione, convenzioni, bandi, canali di accesso agevolato al credito e tantissime altre iniziative rivolte alle donne. Ci rendiamo però conto che, a monte di tutto questo, c’è ancora tanto da fare per sradicare una certa mentalità che incredibilmente continua ad albergare nella testa di molti individui”.

Ad appoggiare l’iniziativa ci sono numerosi partner: “Il mio ringraziamento va singolarmente a ognuno di loro – spiega Bragalini -. Grazie quindi a Patrizia Barbieri, presidente della Provincia di Piacenza e sindaco del Comune di Piacenza, all’Assessore Pari Opportunita’ del Comune di Piacenza Federica Sgorbati; a Filippo Cella Presidente della Camera di Commercio di Piacenza; a Raffaele Chiappa, presidente di Confcommercio Piacenza; all’intero gruppo di Terziario Donna Piacenza che mi sostiene nei miei mille impegni; a Giusy  Maestri, presidente di Inner Wheel Piacenza; a tutto il team de La Città delle Donne; a Isa Maggi,Presidente Nazionale degli Stati Generali delle Donne; a Cristian Lertora, presidente della FIPE; ad Adriano Anselmi della Federazione italiana venditori ambulanti di Piacenza; a Gloriana Tironi dei Mercanti di Qualità di Piacenza; a Ludovica Cella di Federalberghi; ad Alberto Sala dell’Associazione Panificatori; a Eugenia Maserati di Vita in Centro a Piacenza; a Gianluca Brugnoli di Federmoda; a Elena Galli di Federfiori; a Michela Gandolfi del Gruppo Giovani Imprenditori; a Claudio Magnelli di FNAARC; ad Angelo Bersani di FIMAA; a Giuseppina Gruppi di Federpreziosi e a Franco Bonini di 50&Più”.

“Cerchiamo ancora una volta di sensibilizzare tutti verso un tema purtroppo sempre più attuale: Inner Wheel ,la più diffusa organizzazione femminile al mondo, combatte per dare voce ai diritti delle donne in particolare a quelle vittime di violenza, schiavitù e discriminazione e pertanto abbiamo aderito con grande slancio a questa campagna” cosi’ ringrazia Giusy Maestri presidente Inner Wheel Piacenza.

Tante, infine, le donne che hanno già accettato l’invito a diffondere sulle rispettive pagine social la locandina di #amala: “Con la speranza – è l’auspicio di Bragalini – che almeno che per una volta, a diventare virale possa essere un puro e semplice messaggio d’amore”.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank