Coldiretti, in migliaia a Bologna per riscoprire e difendere il made in Italy

Per la prima volta si torna alle origini per scoprire le ragioni del successo del Made in Italy; il Villaggio della Coldiretti dove vivere autenticamente un giorno da contadino tra le aziende agricole ed i loro prodotti; sui trattori, a tavola con gli agrichef, in sella ad asini e cavalli; nella stalla con mucche, pecore, capre, maiali, conigli e galline, o nelle fattorie didattiche; e infine negli agriasili dove i bambini possono imparare a impastare il pane o a fare l’orto.

Per l’appuntamento è stata scelta Bologna, nel cuore nella food valley italiana; zona dove si realizza oltre un terzo della produzione agricola nazionale; qui nascono le eccellenze del Made in italy alimentare che conquistano il mondo.

Nel centro città da Piazza dell’Otto Agosto al Parco della Montagnola fino a Piazza XX Settembre, accorreranno decine di migliaia di agricoltori dalle diverse regioni; assieme al presidente di Coldiretti Ettore Prandini, a partire dalle ore 9,00 di Venerdì 27 settembre, per far conoscere il lavoro, le produzioni e le ricette della tradizione nazionale.

Alla giornata inaugurale saranno presenti, tra gli altri, il Ministro delle Politiche agricole Teresa Bellanova, il Governatore della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini e il sindaco di Bologna Virginio Merola.

Tre giorni tra ospiti e incontri

Nei tre giorni della manifestazione si alterneranno esponenti istituzionali, rappresentanti della società civile. Ma anche studiosi, sportivi e artisti che discuteranno su esclusivi studi e ricerche elaborate per l’occasione dalla Coldiretti; ricerche sui temi dell’alimentazione, del turismo dell’ambiente, della scuola e della salute, ma non mancheranno spettacoli di animazione e concerti.

Ci sarà una vera e propria Arca di Noè dove scoprire le piante e gli animali della fattoria italiana; risorse messe a rischio dai cambiamenti climatici e dall’invasione degli insetti alieni che saranno mostrati per la prima volta.

Per la prima volta si potrà andare a scuola dagli agrichef per imparare a cucinare i piatti della nonna e le ricette salvaclima usando i veri ingredienti Made in Italy, degustare olio extravergine, vini e birra agricola nell’Oil&wine bar del Villaggio, o seguire le lezioni di agrocosmesi con i trucchi di bellezza della nonna.

Spazio al più grande mercato a chilometri zero con Campagna Amica dove acquistare direttamente dagli agricoltori provenienti da tutta Italia esclusivi souvenir del gusto per se stessi o da regalare agli altri.

Saranno presenti anche le aziende piacentine di Campagna Amica e ci saranno aree dedicate alla solidarietà per aiutare le categorie più deboli, con i prodotti delle aziende terremotate di Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo e quelli prodotti dalle aziende di agricoltura sociale impegnate nel reinserimento socio lavorativo di soggetti disagiati, disabili o problematici, nell’educazione ambientale e nei servizi alle comunità locali.

Un intero settore è dedicato alla pet therapy e al ruolo degli animali nella cura del disagio. Ma al Villaggio ci saranno anchegli orti con i tutor e il Villaggio delle idee con i giovani imprenditori agricoli fa fanno innovazione nel Paese.

Verranno organizzati pullman per Bologna da Piacenza e provincia, in tutte le giornate. Informazioni nelle sedi di Coldiretti Piacenza.