Alla celebrazione dei 140 anni di Confedilizia il ricordo di Sforza Fogliani: “Rimarrà sempre con noi”

blank
Piacenza 24 WhatsApp

Una festa di compleanno, quella dei 140 anni di Confedilizia, che non poteva essere gioiosa perché celebrata nel ricordo di Corrado Sforza Fogliani, presidente dell’Associazione dal 1991 al 2016 mancato il 10 dicembre dello scorso anno, ma che si è velata di ulteriore tristezza per la scomparsa di Marco Bertoncini, già segretario generale e poi prezioso collaboratore della Confederazione, notista politico di Italia Oggi, piacentino e grande amico dello stesso Sforza.

L’evento – che si è tenuto nella Sala Corrado Sforza Fogliani del PalabancaEventi di via Mazzini alla presenza di numerose autorità e della famiglia di Sforza (la moglie Maria Antonietta e la figlia Maria Paola) – è stato aperto dal saluto del sindaco Katia Tarasconi («Il Presidente mi ha insegnato ad avere rispetto per le persone che hanno un percorso, aiutandomi a crescere») e della sen. Elena Murelli («Una persona lungimirante che nutriva un grande amore per il territorio, che valorizzava con iniziative culturali, sociali, educative»).

Il presidente della Banca di Piacenza Giuseppe Nenna ha ringraziato la Confedilizia di aver scelto la nostra città per festeggiare una ricorrenza così importante e, soprattutto, di aver privilegiato Palazzo Galli e la Sala, intitolata proprio alla persona che con questo evento si vuole ricordare. «Confedilizia e la Banca – ha sottolineato il dott. Nenna – hanno avuto la fortuna di condividerne, in entrambi i casi per 25 anni, le sue grandi capacità di guida, che hanno permesso alle due Istituzioni di diventare grandi e affermarsi. Una condivisione che è proseguita fino alla sua improvvisa scomparsa: come presidente del Centro studi Confedilizia a Roma e come presidente del Comitato esecutivo qui in Banca, a Piacenza. Mi sento di poter dire che oggi, per le nostre due realtà che lui aveva nel cuore, è rimasto comunque un grande obiettivo che ci unisce: quello di proseguire le nostre azioni nel solco degli insegnamenti che ci ha lasciato. Un’eredità preziosa, che non possiamo permetterci di disperdere».

Il presidente di Confedilizia Giorgio Spaziani Testa ha dal canto suo ricordato la figura del presidente Sforza rivolgendo dapprima un pensiero alla scomparsa di Marco Bertoncini («Lo conobbi tanti anni fa nel mondo liberale, quando collaborava con Costa e Biondi. Aveva una cultura immensa, enciclopedica: era per noi di Confedilizia Google quando ancora non c’era Google»). Il combinato disposto dei due personaggi, ha aggiunto l’avv. Spaziani Testa, dava una somma di conoscenze enormi. «Il tratto distintivo dell’azione di Corrado Sforza Fogliani – ha concluso il presidente di Confedilizia – era l’intransigenza sui principi e continua ad essere il tratto distintivo della nostra organizzazione, che si batte ogni giorno per difendere la proprietà e quindi la libertà».

Molto applaudito l’intervento di Antonio Patuelli, presidente dell’Associazione Bancaria Italiana-ABI, che vantava una lunghissima amicizia con l’avv. Sforza: «Lo conobbi a Piacenza negli anni ’70, avevo 19 anni. Aveva già principi saldi e idee molto chiare. Nelle

battaglie sulle questioni di principio Corrado c’era, sempre. Ha difeso la proprietà, ha difeso la concorrenza bancaria. E’ stato un faro per tutti noi, una sicurezza. Voleva una Piacenza culturalmente ambiziosa ed era dotato di un forte senso di realismo. Corrado rimarrà con noi, con i suoi principi, con la sua lealtà, e con il suo affetto».

Vittorio Angiolini, ordinario di Diritto costituzionale dell’Università di Milano, ha invece ricordato lo Sforza giurista, che agiva fedele alla definizione che dava si se stesso: “Liberale per natura, libertario per forza di cose”. Il docente, consulente di Confedilizia, ha posto l’accento sul contributo dato da Sforza alla riforma della legge sulle locazioni abitative e sulle battaglie combattute contro il blocco degli sfratti, per le banche locali, sui Consorzi di bonifica, definendolo «un fulgido esempio di liberalismo responsabile».

Il sottosegretario al ministero della Cultura Vittorio Sgarbi ha parlato di «perdita irreparabile» e ha sottolineato l’importanza del suo operato ricordando tutte le mostre e tutte le iniziative culturali dal lui volute (e dallo stesso Sgarbi curate) a Piacenza. «Ci univa l’amore per i quadri. Aveva una grande umanità ed era un banchiere con un senso civico altissimo. Sapevo che a Piacenza avevo un amico, che sentivo come uno di famiglia».

«Quanto ci manca», ha concluso il prof. Sgarbi con la voce rotta dall’emozione.
La sintesi del significato della manifestazione per i 140 anni di Confedilizia è stato affidato a un breve video, che racconta “una storia che ha inizio a Genova nel 1883 con la prima Associazione dei proprietari di casa”, che sarà l’impulso per la nascita in molte città di altre Associazioni. “Esperienze diverse, ma con un unico obiettivo: tutelare la proprietà immobiliare con gli stessi valori, libertà e indipendenza”. Nel 1915 è sembrato un passaggio naturale “dare vita a un’unica Confederazione per avere una sola voce a livello politico, economico e sociale. Essere una sola realtà fatta di battaglie e di uomini, come Corrado Sforza Fogliani”. Il video si conclude con una sua bella immagine sorridente e la scritta “Grazie, Presidente”.

Iscriviti per rimanere aggiornato!

Compilando i campi seguenti potrai ricevere le notizie direttamente sulla tua mail. Per garantire che tu riceva solo le informazioni più rilevanti, ti chiediamo gentilmente di mantenere aggiornati i tuoi dati.

Radio Sound
blank blank