Edilizia, persi oltre 1300 posti di lavoro in otto anni

Edilizia, persi oltre 1300 posti di lavoro in otto anni. E’ tutto pronto per lo sciopero unitario nazionale del comparto edilizia. La sola Fillea Cgil di Piacenza ha imbastito un pullman di lavoratori e lavoratrici in partenza dallo stadio giovedì notte. I motivi della massiccia partecipazione li spiega Filippo Calandra, segretario generale Fillea Cgil di Piacenza. “Negli ultimi anni si sono persi oltre 1.500 posti di lavoro solo a Piacenza. Se nel 2010 erano 3.960 gli addetti registrati in Cassa Edile, nel 2018 sono scesi a 2.601. Per quanto riguarda le ore lavorate, siamo passati dai 3,876 milioni di ore nel 2010, ai 2,169 al 31 dicembre 2018. E anche se abbiamo registrato una piccolissima inversione di tendenza l’anno scorso, le previsioni per il 2019 non sono rosee”.

Rilancio del settore per rilanciare il Paese

“Cosa chiediamo? Chiediamo il rilancio del settore per rilanciare il Paese. Perché quello delle costruzioni è stato uno dei settori più colpiti dalla crisi. Tante aziende che rischiano di chiudere, tante vertenze nazionali e locali aperte, con un calo continuo dell’occupazione e degli investimenti. L’iniziativa del 15 marzo non sarà una manifestazione contro il Governo ma è finalizzata a sollecitare l’attenzione attorno ad alcuni temi prioritari. I cantieri delle infrastrutture ancora fermi e le numerose opere pubbliche bloccate meritano un cambio di passo. Il tutto in un’ottica di aumento dei posti di lavoro per migliaia di persone. Ma anche di modernizzazione e crescita e di collegamento delle varie aree del Paese in una migliore connessione con l’Europa. E’ necessario richiamare ad una visione d’insieme e chiedere una reale politica industriale per il settore e per il Paese. E’ quindi importante dare forza all’iniziativa”.

A Piacenza hanno chiuso centinaia di aziende. Se pensiamo che in Cassa edile le imprese attive sono passate oggi a 557, quando nel 2010 erano 859.

“La crisi di questi anni è stata usata in alcune aziende per legittimare comportamenti che giudichiamo deplorevoli nei confronti di lavoratori. Lavoratori che hanno patito più di altri la crisi ci segnalano casi di lavoratori che dall’oggi al domani vengono spostati da un sito a un altro, senza aprire nessuna discussione con le RSU aziendali.

Sono atteggiamenti che combatteremo nell’ottica di una collaborazione tra imprese e lavoratori che sappia agganciare la ripresa, e uscire da dinamiche padronali che non portano da nessuna parte”.