Frode fiscale e riciclaggio internazionale, arrestato 45enne e sequestrati 28 milioni di euro

blank
Piacenza 24 WhatsApp

Frode fiscale e riciclaggio internazionale, arrestato 45enne e sequestrati 28 milioni di euro.

Tra il 4 ed il 9 maggio – all’esito di un’indagine coordinata dalla Procura Europea EPPO (European Public Prosecutor’s Office), sede di Venezia – i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Piacenza, hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un soggetto italiano di anni 45. L’uomo è accusato di essere a capo di un sodalizio criminale dedito alla commissione di frodi IVA a carattere transnazionale. A emettere la custodia cautelare è stato il giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Padova.

Le investigazioni, condotte dal Nucleo Polizia Economico-Finanziaria di Piacenza, hanno consentito di raccogliere gravi indizi circa l’esistenza di una associazione per delinquere finalizzata alla commissione di frodi sull’IVA intracomunitaria c.d. “carosello”. Nonché al successivo riciclaggio e reimpiego dei proventi illeciti generati.

La Procura Europea – EPPO ha pubblicato la notizia sul proprio sito istituzionale al seguente link: https://www.eppo.europa.eu/en/news/italy-eppo-arrests-suspected-ringleader-eu28- million-vat-fraud-scheme.

La frode “carosello”

In particolare, la frode carosello risultava così strutturata. I soggetti coinvolti acquistavano prodotti per l’informatica e l’elettronica all’estero, interponendo, nelle transazioni commerciali una serie di società fittizie aventi sede sia in Italia che nell’Unione Europea. L’obiettivo era sfruttare la mancata applicazione dell’IVA trattandosi di operazioni intracomunitarie in cui l’imposta viene applicata nel paese di destinazione.

frode riciclaggio arrestato

In questo meccanismo fraudolento risultano coinvolte oltre 20 persone compiacenti e 70 società “cartiere”. Di queste, 34 sono italiane e le restanti presenti in Austria, Belgio, Bulgaria, Germania, Lettonia, Lituania, Paesi Bassi, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia e Spagna). Un meccanismo che consentiva di generare crediti IVA milionari e di rivendere sul mercato, dopo diverse cessioni fittizie, i prodotti tecnologici e informatici – anche di alta gamma – ad un prezzo decisamente inferiore rispetto a quello praticato dalle imprese oneste, applicando, in talune circostanze, scontistiche superiori al 50%.

Il sequestro

Il GIP del Tribunale di Padova, su richiesta del Procuratore Europeo delegato – sede di Venezia, ha quindi disposto il sequestro preventivo per equivalente del profitto del reato fino alla concorrenza dell’IVA evasa pari ad oltre 28 milioni di euro.

L’operazione ha portato, tra l’altro, al sequestro – nei confronti dell’arrestato ritenuto al vertice del gruppo criminale – delle quote di una società nonché di un complesso immobiliare di assoluto pregio, situato in un palazzo storico nel centro di Bologna.


Leggi anche: Frode sulla benzina

Iscriviti per rimanere aggiornato!

Compilando i campi seguenti potrai ricevere le notizie direttamente sulla tua mail. Per garantire che tu riceva solo le informazioni più rilevanti, ti chiediamo gentilmente di mantenere aggiornati i tuoi dati.

Radio Sound
blank blank