Il Primario piacentino Stabile porterà al confine tra Ucraina e Ungheria aiuti per l’ospedale Sumy: “Curano i feriti ma non hanno più materiale sanitario. Non si può spedire denaro, ma solo portare aiuti – AUDIO 

Il Primario piacentino Stabile porterà al confine tra Ucraina e Ungheria aiuti per l’ospedale Ucraino Sumy: “Curano i feriti ma non hanno più materiale sanitario. Non si può spedire denaro, ma solo portare aiuti - AUDIO 

Aiuti per l’ospedale Sumy che si trova nell’est dell’Ucraina. L’iniziativa è partita dal primario del reparto di chirurgia plastica e ricostruttiva dell’ospedale di Castel San Giovanni, Marco Stabile, Presidente dell’Onlus Associazione Italiana di Chirurgia Plastica ed Estetica.

Sono sotto i bombardamenti spiega il Prof. Stabilee quindi stanno raccogliendo tutti i feriti della zona. Come Associazione abbiamo chiamato questo ospedale Ucraino per capire in che condizioni stanno lavorando. Ci hanno risposto con una richiesta di aiuto attraverso una lista infinita di materiali sanitari. In particolare hanno bisogno di garze, cateteri, aghi, siringhe e tanto altro. Manca tutto! Una tragedia umanitaria, quindi con il cuore in mano ci siamo detti: facciamo qualcosa. Abbiamo mandato una petizione di raccolta fondi per trovare tutto il possibile da spedire con un camioncino. Andremo io e il dottor Lago al confine con l’Ungheria dove troveremo i contatti con i volontari ucraini per il ritiro. 

blank

La situazione è davvero difficile anche per far arrivare gli aiuti

Certo, prima era più facile perché si potevano spedire dei soldi per l’acquisto del materiale necessario, come abbiamo fatto in altre occasioni, ad esempio nelle Filippine o nel Libano. Qui non si può spedire denaro! Ci sono le Banche bloccate, bisogna portare fisicamente la roba. Il problema è organizzare il viaggio. Ci stiamo impegnando per cercare di mettere l’ultimo tassello nello scacchiere.

Il dramma degli ospedali che vengono bombardati

Una situazione impensabile fino a poche settimane fa. A me fa piangere. Dopo due anni segnati purtroppo dal Covid, appena rialzata la testa si vive un altro dramma fatto di morti per la guerra. Facciamo qualcosa, rimbocchiamoci le maniche a aiutiamo anche loro. 

Il Primario piacentino Stabile porterà al confine tra Ucraina e Ungheria aiuti per l’ospedale Sumy – AUDIO INTERVISTA

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank