Imprese al femminile in leggera flessione, soffrono commercio e agricoltura: un “disegno di impresa” per ripartire – AUDIO

Un Disegno di Impresa” questo è il titolo del nuovo progetto elaborato dal Comitato per la promozione dell’imprenditorialità femminile e presentato questa mattina. Un ciclo formativo destinato a fornire a imprenditrici, manager e libere professioniste gli strumenti utili per l’impresa; il tutto al fine di essere più efficaci sia nel funzionamento che nelle sfide innovative.

Radio Sound blank blank blank blank

Lo ha sottolineato la presidente del Comitato, Nicoletta Corvi. “Il Comitato ha ritenuto di raccogliere bisogni, esigenze e proposte in tempo di lock-down attraverso una rilevazione via web, a cui sono seguiti due webinar di approfondimento. Qui è emersa la necessità di favorire la creazione di nuove progettualità per le imprese, a partire dall’esperienza fatta nel periodo di emergenza sanitaria; il tutto allenando la capacità di innovare, di generare nuove e diverse modalità di offerta di prodotti e servizi, di comunicare, all’esterno e all’interno dell’organizzazione, attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie”.

La situazione economica

Il Comitato ha inoltre cercato di analizzare i dati economici emersi, al fine di ottenere una visione di insieme, necessaria per conoscere l’andamento dell’imprenditoria femminile.

Alla fine del III trimestre del 2020, nel territorio piacentino le imprese femminili attive sono 5.631.  Una leggera flessione rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno, dove le imprese femminili attive erano 5.671. I settori in cui principalmente gravitano le imprese femminili sono: il commercio, l’agricoltura, le attività dei servizi, le attività di alloggio e di ristorazione ed infine le manifatturiere oltre a quelle immobiliari. Il dato regionale, sempre riferito al III trimestre 2020 per le imprese femminili attive, è di 84.456. Anche sul territorio regionale i settori principali sono il commercio, l’agricoltura e i servizi.

Rispetto al III trimestre del 2019, si registrano leggere flessioni nelle attività dei servizi (-15 unità di cui 6 nell’ultimo trimestre); nelle attività di alloggio e ristorazioni (-9 ma si registra un leggero incremento nell’ultimo trimestre); nel commercio (-26 unità). Le attività agricole appaiono stabili rispetto al trimestre precedente mentre si riscontra un calo rispetto al III trimestre del 2019 (-22).

Dopo i progetti proposti e realizzati con grande successo negli anni 2018 e 2019, riguardanti il lavoro personale sull’empowerment femminile, il Comitato in questo nuovo progetto intende spostare il focus sull’impresa, finalizzando il percorso sull’empowerment professionale. In questo progetto, quindi, si intende dare al contempo sostegno alla valorizzazione delle risorse personali dell’imprenditrice e alle potenzialità dell’impresa.

Dal confronto con le imprenditrici è apparsa con chiarezza la necessità di fornire un allenamento finalizzato a richiamare la consapevolezza delle proprie risorse e del potenziale per lo sviluppo personale ed aziendale, nell’ambito di una cultura orientata al positivo. La completezza del percorso deriva dalla possibiltà di fornire alle imprenditrici gli strumenti tecnologici ed informatici per poter comunicare in modo efficace e convincente il core business dell’impresa e gestire la relazione con il cliente e con i collaboratori. “Una cassetta degli attrezzi, al fine di fornire un concreto supporto utile a raggiungere gli obiettivi individuati” come sottolineato da Nicoletta Corvi.

I presupposti

Il percorso si basa su alcuni presupposti: affrontare la nuova grande sfida, derivata dall’emergenza sanitaria, in “chiave positiva e con nuove idee progettuali continuando a pensare, fare ed essere positive; riconoscere il nuovo equilibrio attraverso i propri talenti, valori e passioni al fine di raggiungere così nuovi traguardi sia personali che professionali; imparare a utilizzare al meglio le proprie capacità, risorse, potenzialità, affinchè le imprenditrici possano anche nel loro lavoro, diventare innovative, generative, consapevoli; mettere a disposizione strumenti concreti utili alle imprenditrici per ripensare la propria impresa.

Il percorso è articolato in diversi incontri, tutti in modalità webinar

  1. Comunicazione digitale: analizzare i propri punti di forza e trasformarli in strategia per la comunicazione digitale; conoscere i principali social network, imparando ad utilizzarli in modo consapevole e redditizio.
  2. Strategie e strumenti digitali: conoscere i nuovi strumenti digitali, approfondendone le funzionalità, al fine di adeguarsi ad un contesto caratterizzato da una costante innovazione.
  3. Leadership Communication: sviluppare e potenziare le competenze relazionali e comunicative attraverso la lettura del proprio modello relazionale.
  4. Un Brand di valore: rivedere il proprio modello di business e le strategie di comunicazione e relazione.
  5. Smart leadership: strumenti per la produttività del team.

In considerazione degli obiettivi e delle metodologie didattiche i webinar saranno registrati e messi a disposizione delle partecipanti per esemplificare e fornire indicazioni concrete per l’utilizzo dei social e di altri canali digitali. Sarà inoltre attivata una community gestita tramite un gruppo privato Facebook per la condivisione di esperienze, contenuti formativi, notizie e aggiornamenti di interesse e che resterà attiva per tutta la durata del progetto.

Per informazioni: promozione@pc.camcom.it

Per iscrizioni: bit.ly/un-disegno-di-impresa

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank