L’ospedale di Piacenza diventa universitario, corso di laurea in Medicina collegato all’università di Parma

L’ospedale di Piacenza diventa universitario. Piacenza, in sostanza, ospiterà un corso di laurea in Medicina collegato all’Università di Parma. Il corso di laurea prevede trenta cattedre e cento studenti per anno, 600 studenti a regime, dunque. Inoltre si svolgerà in lingua inglese.

Radio Sound blank blank blank blank

“Un risultato molto importante per tutta la città”, commenta il sindaco Patrizia Barbieri. “Da Piacenza partiranno importanti progetti di ricerca, un tema che abbiamo affrontato molto spesso in questo periodo”, continua il primo cittadino.

Inizierà a settembre 2021 o al massimo nel 2022, a seconda dell’andamento della pandemia.

Ma per il sistema sanitario piacentino non è il primo successo. “Purtroppo la situazione attuale non ci ha permesso di annunciare questa notizia come si deve, ma lo facciamo oggi: l’Ortopedia di Piacenza è già divenuta, recentemente, reparto universitario“.

“E’ un riconoscimento importante per i nostri operatori sanitari, ma anche un’occasione per tutto il territorio. Teniamo presente infatti che Piacenza sarà raggiunta da studenti da tutto il mondo”.

“Avremo la possibilità di formare studenti proprio qui a Piacenza, il nostro ospedale diventerà ancora più attrattivo per medici e infermieri”, commenta il direttore generale dell’Ausl, Luca Baldino.

“Aumenterà anche il numero di piacentini che si avvicineranno alle discipline mediche e questo comporterà un salto di qualità per tutto il sistema sanitario piacentino”.

Tutte le informazioni

Un corso di laurea in Medicina con sede a Piacenza, interamente in lingua inglese, afferente all’Università di Parma il cui Senato accademico ha già approvato il progetto, avviando le procedure formali per la necessaria validazione da parte dei Ministeri competenti.

Lo hanno annunciato stamani, in conferenza stampa, il sindaco e presidente della Provincia Patrizia Barbieri e il direttore generale dell’Azienda Usl Luca Baldino, sottolineando la forte intenzione del rettore dell’ateneo parmense Paolo Andrei – che interverrà prossimamente in sede di Conferenza territoriale socio-sanitaria per presentare i dettagli – di inaugurare il nuovo percorso universitario nel settembre 2021 salvo proroghe all’anno successivo imposte dal perdurare dell’emergenza sanitaria in atto.

Il corso di laurea, la cui erogazione in inglese ne conferma la fondamentale vocazione internazionale, poggia sulla sinergia tra Piacenza e Parma e accoglierà 100 studenti in ogni anno accademico – arrivando, a regime, a 600 iscritti – con l’attivazione di una trentina di cattedre.

La realizzazione dell’iniziativa comporterà, per il nosocomio di Piacenza, la qualifica di ospedale universitario, con determinanti e concrete ripercussioni sul territorio in termini di formazione professionale dei nuovi medici, ulteriore potenziamento del presidio sanitario e impulso strategico a progetti e attività di ricerca. Si dà compimento, in tal modo, all’iter già avviato – con conclusione prevista entro il 2020 – per rendere universitaria l’Unità operativa di Ortopedia del Polichirurgico, cui seguiranno altri reparti entro i successivi sei/otto mesi.

La dimensione internazionale rende il nuovo corso di laurea con sede a Piacenza particolarmente innovativo e di indubbia attrattiva tra le proposte accademiche: le statistiche confermano che i percorsi formativi in lingua inglese sono tra i più ricercati dai giovani medici, a maggior ragione in un ambito territoriale, tra Parma e Piacenza, dove non ci sono equivalenti.

Nel pomeriggio, il progetto verrà illustrato al Collegio di direzione dell’Ausl.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank