Sale da ballo, apertura rimandata. Indino (Silb): “Mazzata incredibile, ho incontrato padri di famiglia in lacrime” – AUDIO

blank

“Una coppia che dorme nello stesso letto e vive sotto lo stesso tetto non può ballare insieme”. E’ l’aspetto che sottolinea Gianni Indino, presidente del Sindacato Italiano Locali da Ballo dell’Emilia Romagna.

blank

A differenza di quanto ipotizzato in un primo momento, il nuovo decreto ministeriale del premier Giuseppe Conte ha rimandato l’apertura delle discoteche e delle sale da ballo in Italia; non riaprono il 15 giugno, ma resteranno chiuse almeno fino a metà luglio.

“Non ci sono solo le discoteche, ci sono i balli di coppia. Per questo mi sembrano strane le linee guida tracciate dal governo. Un’incongruenza, ma noi vogliamo collaborare per portare a casa dei risultati”.

“Lo spostamento della riapertura dei locali a luglio ha rappresentato una mazzata incredibile. Mi telefonano colleghi con le lacrime agli occhi; avevano già assunto personale garantendo a padri di famiglia e ragazzi uno stipendio: e invece no, devono dire loro di restare a casa ancora un mese. Un’esperienza che non auguro a nessuno, perché ho visto crollare il mondo addossso a ragazzi e ragazze”.

“Quando chiude una fabbrica importante con centinaia di lavoratori si mobilitano il mondo sindacale, il governo, i partiti, scendono tutti in piazza. E noi? Condenso questa situazione con una parola: vergogna”.

“Vorrei avanzare una speranza. Sono in contatto con la Regione, con Bonaccini. Stiamo lavorando per anticipare i tempi e credo ci siano spiragli”.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank